Tu sei qui

MotoGP, Marquez primo in gara e campionato

Sachsenring: lo spagnolo domina davanti ad uno stoico Crutchlow. Rossi terzo e staccato

Il giovane prinicpe ha rubato la corona di Sassonia al proprio re. Dopo tre anni di vittorie consecutive, Daniel Pedrosa ha dovuto abdicare - per cause di forza maggiore - in favore del rookie Marquez.

Il giovane spagnolo ha mostrato una grande maturità figlia anche della presa di coscienza dei propri mezzi nella classe regina. Non ha attaccato subito, non ha cercato subito la prima posizione. Ha atteso che nelle prime fasi di gara Stefan Bradl sbollisse la sua vena e calasse il ritmo, ha passato Valentino Rossi con una manovra dura quanto pulita e ha attaccato la prima posizione del tedesco per poi dettare il proprio ritmo fin sotto alla bandiera a scacchi.

Una vittoria importantissima che lo proietta in prima posizione nel Mondiale: "E' stata una gara totalmente diversa di quello che ho fatto finora in motogp. Cal spingeva tanto ma avevo un buon ritmo. 25 punti per il campionato. Vittoria speciale ma senza Dani e Jorge in pista è diverso. Con loro in pista è più bello anche per lo spettacolo per i tifosi"

Proprio il Crutchlow citato da Marquez nelle sue dichiarazioni è stato il secondo grande protagonista di questa domenica, considerando le due brutte cadute del fine settimana che lo hanno debilitato non poco. Una corsa eccellente, con una rimonta nei primi giri dopo una partenza non felicissima, una perentoria, dura e pulita staccata su Rossi e un ritmo velocissimo e costante: "Ho provato a prendere Marc alla fine. Ho fatto una buona partenza, ma sono rimasto chiuso alla prima curva. Ho fatto una buona rimonta, una bella battaglia con Valentino che ha dimostrato ancora di essere un buon contentente al titolo. Le mie condizioni fisiche? una m****a!".

Il deluso della giornata è a tutti gli effetti Valentino Rossi che, conscio di non avere il passo negli ultimi giri di Marquez, ha provato a forzare nei primi passaggi per cercare presumibilmente di scappar via, ma la prima posizione di Bradl nelle prime battute, ha di fatto vanificato tale strategia. "Sono contento per essere sul podio. Speravo di andare meglio, sapevo di soffrire con le gomme finite, però potevamo fare di più a livello di setting. I primi giri riuscivo a stare li, ma come ha cominciato a scivolare ho perso tanto. Anche Cal era più veloce. Dobbiamo continuare a lavorare".

Quarta posizione proprio per l'idolo di casa Stefan Bradl con la Honda di Checchinello, seguito da Alvaro Bautista ed un Bradley Smith che, piano piano, diviene sempre più consistente. Grande protagonista di questa domenica Aleix Espargaro, addirittura terzo nei primissimi giri con la aRT CRT, e capace di vender cara la pelle per tanti giri, arrivando a battagliare poi per tutta la gara con la Ducati di Andrea Dovizioso. Sotto la bandiera a scacchi settima piazza per la Ducati del forlivese, ottava la aRT di Espargaro. Menzione anche per Michele Pirro. Il collaudatore di Borgo Panigale ha chiuso a solo due secondi da Nicky Hayden.


CRONACA DI GARA MOTOGP


Al via la gara della Motogp, 30 giri

Capitolo gomme: tutti i piloti motogp hanno montato dura davanti e morbida dietro

i piloti crt: tutti hanno montato dura davanti tranne Staring, De Puniet, Hernandez e Pesek, al post. crt tutti con la supermorbida tranne Hernandez e Corti


- partenza valida, gira per primo Valentino Rossi su Stefan Bradl, poi addirittura Espargaro che lotta con Marquez. La CRT aRT è terza! Rossi prova a fare l'andatura fin da subito, considerando che a livello di passo il suo più diretto avversario è Marquez,

- Bradl alla curva 12 in discesa passa Rossi. Un tedesco al comando del gp di Germania

- 29 giri al termine: Bradl primo, Rossi deve difendersi in staccata da Espargaro, con Marquez che viene seguito da Crutchlow. Prima Ducati ottava, quella di Nicky Hayden. Bradl ha messo un pò di margine su Rossi che non può attaccarlo.

- 28 giri al termine: gruppetto compatto. Alla staccata della prima curva Marquez passa Espargaro. Il miglior giro della gara è di Bautista con 1'22.874. Il ritmo ancora non è forte ed il gruppo rimane compatto. Bautista alla curva 12 passa Espargaro e all'ultima curva si infila anche Crutchlow rischiando un pò.

- 27 giri al termine: Bradl piega tantissimo e arrotonda maggiormente le traiettorie rispetto a Valentino Rossi. Ora c'è un terzetto al comando: Bradl, Rossi e Marquez oramai tutti attaccati. Crutchlow intanto si prende la quarta posizione passando Bautista all'ultima curva.

- 26 giri al termine: Si gira sul passo dell'1'22.5, e tutti i protagonisti ancora non stanno forzando. Marquez entra con cattiveria sulla salita all'ultima curva su Rossi. Bradl stava leggermente allungando, forse Marquez vuole fin da subito romepre gli indugi e voler imporre il ritmo.

- 25 giri al  termine: la lettura della gara ora è vedere se Rossi terrà il ritmo. Campanello d'allarme per Rossi con una brutta imbarcata. Ora ci son due gruppi: Marquez-Bradl e Rossi-Crutchlow.

- 24 giri al termine: bellissimo duello tra Bradl e Marquez con lo spagnolo che lo passa e lo affianca all'ultima curva passando in prima posizione alla prima staccata. Rossi dopo la brutta sbacchettata deve ricomporsi, avendo perso 8 decimi. Bradl ora sembra stia perdendo il ritmo, con Rossi e Crutchlow che si fanno sotto. Giro veloce di 1'22.275 di Valentino Rossi, mezzo secondo meglio di Bradl.

-23 giri al termine: Piccola incertezza anche per Crutchlow, che perde due decimi. Ora Marquez sta spingendo forte e sta prendendo margine. Se Rossi ha margine e punta a rimanere con lo spagnolo deve passare Bradl. 1'22.085 per Marquez

-22 giri al termine: Valentino Rossi entra dentro alla curva 8 su Stefan Bradl che prova a incrociare la traiettoria ma il pesarese difende bene. Ora la lettura della gara è tutta nel ritmo di Valentino Rossi. Se ha il passo raggiungerà Marquez, altrimenti sarà gara solitaria per lo spagnolo.

-21 giri al termine: Crutchlow attaccato a Bradl, sta provando in tutti i modi a superare il tedesco. Bradl sbaglia all'ultima curva e arriva largo, lasciando la porta aperta per Cal Crutchlow.

-20 giri al termine: la situazione vede Marquez con 1.2 sec su Rossi, 1.8 Crutchlow e 2.2 secondi su Bradl. Dietro, a seguire Alvaro Bautista, Bradley Smith, Aleix Espargaro che lotta con Andrea Dovizioso per la settima posizione. Buon undicesimo posto per Petrucci

-18 giri al termine: Marc Marquez allunga su Valentino Rossi, tra i due 1.5 secondi e la sensazione che il pesarese debba difendersi da Crutchlow più che pensare ad attaccare lo spagnolo HRC.

- 17 giri al termine: Cal Crutchlow attaccato a Rossi, all'uscita della curva 11 prolungato galleggiamento dell'inglese che inizia a farsi vedere. Dovizioso intanto all'ultima curva passa la aRT di Espargaro.

-15 giri al termine: i due piloti Yamaha sono al limite, un bel duello senza sorpassi. Crutchlow prova la staccata al primo tornante, ma Rossi resiste. Unico motivo di interesse della gara, considerando che Marquez oramai è distante 2.3 secondi, e Bradl è a più di un secondo. Cattiva entrata di Cal Crutchlow in curva 12 su Valentino Rossi. Sorpasso duro ma pulitissimo.

- 13 giri al termine: Crutchlow ha appena fatto il giro più veloce della gara, staccando Valentino Rossi e guadagnando quattro decimi su Marquez.

La situazione vede Marquez con un vantaggio di 2.4 secondi su Crutchlow e 3.1 secondi su Rossi.

-12 giri al termine: Crutchlow gira un decimo più lento rispetto a Marquez. Dietro, Dovizioso continua la sua gara insieme ad Espargaro, con Hayden più staccato e Michele Pirro a soli due secondi da Hayden.

-10 giri al termine: continua l'elastico dei distacchi tra Crutchlow e Marquez. Ora il distacco è di 2.1 secondi. I primi due girano sul passo dell'1'22.2 mentre Valentino Rossi gira 3-4 decimi peggio.

- 9 giri al termine: unico duello da menzionare al momento è quello tra Andrea Dovizioso ed Aleix Espargaro. Alla curva 12 il pilota Aspar prova a farsi vedere

- 8 giri al termine: mantenendo questa classifica di gara, Marc Marquez sarebbe il nuovo leader del campionato con 2 punti di vantaggio su Daniel Pedrosa e 11 su Jorge Lorenzo.

- 6 giri al termine: Rossi sta gestendo la situazione, girando un secondo peggio di Crutchlow. Nel frattempo l'inglese continua a tirare. IL distacco tra Crutchlow e Marquez è di 1.8 secondi, sul traguardo 1.748 secondi.

- 5 giri al termine: Cal Crutchlow sta girando costantemente sotto l'1'22.3 mentre Marquez non riesce a scendere sotto tale limite ora. Sotto al traguardo c'è 1.6 secondi di differenza

- 4 giri al termine: Ancora un decimo al T2 guadagnato da Crutchlow. Marquez sta provando a prendere le misure ma al T3 c'è 1.4 secondi tra i due. Marquez però guadagna sempre all'ultimo settore, ristabilendo il distacco in 1.6 secondi.

- 3 giri al termine: l'elastico tra i due continua ma il distacco rimane sempre su 1.5 secondi. Rossi oramai è saldo terzo ma staccato da Crutchlow. Prestazione deludente per il pesarese in una giornata che poteva essere potenzialmente vincente senza Lorenzo e Pedrosa

- Bandiera a scacchi: Marc Marquez vince davanti a cal Crutchlow e Valentino Rossi. Giù dal podio Stefan Bradl quarto, Alvaro Bautista quinto e Bradley Smith, sesto.

Marc Marquez passa a 138 punti, contro i 136 di Pedrosa.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti