Tu sei qui

Moto2, Torres svetta prima delle qualifiche

Sachsenring FP3: secondo Espargaro, più attardato Scott Redding

Con l'attenzione mediatica rivolta alle condizioni di Daniel Pedrosa (volato per una TAC al vicino ospedale), l'ultima sessione di prove libere della Moto2 ha visto condizioni meteo più soleggiate che hanno mostrato la potenza del team Aspar.

Questa volta però, non è stato Nico Terol a svettare, bensi Jordi Torres, che verso la fine del turno ha stabilito un riferimento cronometrico pari a 1'24.634, sopravanzando Pol Espargaro, attardato di soli 49 millesimi di secondo.

Per il portacolori del team di Sito Pons, una prestazione comunque convincente e soddisfacente, in relazione al fatto che il suo rivale più diretto in campionato, il capoclassifica Scott Redding, ha chiuso in nona posizione a 694 millesimi di secondo dalla vetta.
In casa Pons comunque, c'è stata apprensione per la caduta - l'ennesima alla curva 11 - di Esteve Rabat, rimasto in terra dolorante. Il pilota spagnolo ha accusato un forte dolore alla caviglia sinistra, ma fortunatamente per lui, nessuna frattura è stata riscontrata.

Nel team Marc VDS comunque c'è di che esser soddisfatti per la terza posizione di Mika Kallio (+0.473), che precede un sempre più consistente Joann Zarco (+0.486) con la Suter del team Ioda di Giampiero Sacchi.

La prima Speed Up è quella di Alex De Angelis, nostro miglior rappresentante, che chiude in sesta posizione (+0.582) in un circuito molto congeniale per il sanmarinense. L'altro lato dei box del team Forward vede Simone Corsi fermarsi in 17esima posizione (+1.109) e Mattia Pasini in 21esima con un ritardo di 1.450 secondi dalla vetta.

Da sottolineare anche la 28esima posizione di Toni Elias con la Kalex del team Avintia, subito dietro al suo compagno di squadra Kyle Smith.


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti