Tu sei qui

MotoGP, Pedrosa: clavicola OK ma TAC in ospedale

I primi esami escludono fratture, in elicottero a Chemnitz per controlli alla testa

Dani Pedrosa è salito su elicottero per l’Ospedale di Chemnitz accompagnato dal dottor Michele Zasa, anestesista della Clinica Mobile. Dopo il violento impatto a seguito dell’hidg side alla prima curva del tracciato, il catalano era stato subito portato al Centro Medico del circuito per accertamenti. Nella caduta aveva sbattuto la clavicola sinistra, le stessa di Lorenzo, ma i primi esami non hanno evidenziato fratture.

A spiegare la situazione di Dani è stato il dottor Claudio Costa: “Pedrosa ha subito un trauma importante, fratture non sono state riscontrate dalle prime analisi, ma Dani ha patito un calo di pressione e un rallentamento del battito. Abbiamo anche notato che il casco era segnato, quindi per escludere ogni complicazione abbiamo preferito trasferirlo all’ospedale di Chemnitz dove verrà sottoposto a una TAC a torace, testa e spalla”.

L’elicottero è già partito, la speranza è che i nuovi esami diano la certezza di nessun problema e che Pedrosa possa tornare in pista già per le qualifiche.

AGGIORNAMENTO: La diagnosi iniziale parla di "trauma cranico e shock traumatico. Possibile lesione del plesso brachiale"

GUARDA LA FOTOGALLERY

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti