Tu sei qui

MotoGP, Marquez: Pedrosa imbattibile? Perché?

Dani ha vinto gli ultimi 3 GP del Sachsenring: "gara importante ma non decisiva"

Questa volta partono da favoriti, lo dice il loro curriculum. Pedrosa ha vinto le ultime tre edizioni del GP del Sachsenring in MotoGP, Marquez ha fatto altrettanto tra 125 e Moto2. Sul toboga tedesco la Honda sembra volare e per una volta sembra essere la Yamaha quella a dovere tremare. “E’ vero questa è una pista che mi piace – ammette Dani – e qui ho sempre fatto delle belle gare. E’ un tracciato complicato, con saliscendi e qualche trucco da conoscere e ci sono delle curve veramente belle”.

Pedrosa non fa però proclami, perché Assen è ancor viva nei suoi ricorsi, “ho faticato per tutto il weekend e ancora di più in gara – dice – Però non sono preoccupato, abbiamo avuto problemi nelle piste a noi storicamente indigeste, quindi un po’ me lo aspettavo. Adesso bisogna procedere passo per passo, trovare il giusto setup e poi fare del proprio meglio”. Qualche pressione in più però un tracciato così amico potrebbe dargliela, perché un fallimento sarebbe meno giustificabile. “Ogni gara è importante, anche se l’anno scorso la vittoria qui è stata speciale – ricorda – Ho lottato con Stoner fino all’ultima curva ed è stato il mio primo successo della stagione. Ma in fin dei conti i punti che prendi sono sempre gli stessi. Siamo all’ottavo GP, ne rimangono ancora dieci”.

Anche Marquez preferisce tenere un profilo basso. “Un conto è vincere in Moto2 e in 125, un altro in MotoGP. Anche ad Assen lo scorso anno ero arrivato primo – sottolinea – Questo poi è un tracciato particolare, molto stretto. Sarà importante sapere dosare bene il gas, io che solitamente sono un po’ aggressivo dovrò limitarmi”. Postumi delle fratture a mignolo e alluce riportate in Olanda non ce ne sono. “Il dito non è ancora al 100%, ma non è un problema per guidare – garantisce – Già ad Assen non mi ha limitato, qui sarà perfetto”.

Di pista favorevole a Honda o Yamaha non vuole sentirne parlare. “Ormai a questa cosa non ci credo più – dice sorridendo – Si fanno certe valutazioni alla vigilia e poi capita l’opposto. Però sia Dani che Casey qui sono sempre andati forte, quindi penso che la nostra moto si adatti bene alle caratteristiche del circuito”. Battere il compagno di squadra non sarà facile, ma Marquez non si tira indietro. “Mi chiedete se Pedrosa è imbattibile? No, perché dovrebbe?”. Alla fine, il vero Marc è uscito allo scoperto.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti