Tu sei qui

MotoGP, Sachsenring: Ducati 'evo' solo per Dovizioso

Scelte opposte nel box della Rossa, Hayden continuerà a utilizzare la moto standard

Ducati arriva al Sachsenring con punti interrogativi e speranze. Dopo i test di Misano della scorsa settimana, Andrea Dovizioso ha deciso di rischiare e in Germania avrà a disposizione la Desmosedici ‘evo’, con un nuovo telaio. Sulla pista italiana il forlivese ha riscontrato dei miglioramenti che vuole mettere alla prova in un weekend di gara. Di altra opinione, invece, il compagno di squadra Nicky Hayden che ha deciso di continuare a usare la D16 ‘standard’.

Non so ancora come potrà essere per noi il Sachsenring, perché come è già successo su tante altre piste quest’anno, anche questo tracciato sarà del tutto nuovo per me con la Ducati – ha spiegato il Dovi - E’ un circuito corto ma molto complicato, non mi fa impazzire ma sono curioso di vedere come si comporterà qui la mia Desmosedici. Sapevamo che la pista di Assen non sarebbe stata una delle più facili per noi, ma certamente abbiamo ottenuto un risultato molto deludente in Olanda e quindi andiamo al Sachsenring decisi a far bene”.

Nicky Hayden cerca di guardare in positivo alla trasferta tedesca, su una pista che in passato gli è stata amica. “La gara di Assen è stata davvero dura per noi, ma il Sachsenring è una pista che mi è sempre piaciuta – ha spiegato - Non posso dire che sia la migliore o la più divertente per me, ma nel passato ho quasi sempre ottenuto dei buoni risultati. Tutti sanno che la ‘cascata’ è una delle curve più belle in assoluto, ed è davvero divertente se la moto funziona bene. E’ una pista dove conta la trazione ed anche la durata delle gomme, che purtroppo sappiamo non essere il nostro punto di forza per il momento. Ci sarà da lavorare molto questo weekend, e speriamo di fare progressi. Sarebbe bello poterci divertire e ottenere dei buoni risultati”.

Vittoriano Guareschi attende la Germania con curiosità, con due moto diverse in pista i tecnici potranno ottenere dati interessanti per lo sviluppo della moto. “Il Sachsenring è una pista all’apparenza abbastanza facile ma che in realtà impegna molto i tecnici nella messa a punto perché ha la caratteristica di avere tante curve a sinistra e una curva a destra molto lunga, chiamata Omega, dove con le MotoGP si tende a stressare tanto la gomma posteriore – il commento del team manager - Dunque sarà molto importante per noi lavorare sul grip ma nello stesso tempo anche sulla durata della gomma. Abbiamo fatto un buon lavoro a Misano nei ultimi test, e quindi Andrea porterà per la prima volta in gara la GP13 evoluta e sarà molto interessante vedere come funziona al Sachsenring dopo le prime impressioni positive che ha avuto, mentre Nicky, dopo il test di Misano in cui ha avuto buoni riscontri cronometrici, ha preferito continuare con la moto attuale. Il Sachsenring è una pista dove potrebbe succedere di tutto, anche per quanto riguarda le condizioni meteo, e noi andiamo in Germania con buoni propositi, come sempre".

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti