Tu sei qui

MotoGP: Primi tempi e foto dall'Argentina

UPDATED. I tempi alle 13. Stefan Bradl ancora al comando in 1'47"075

Dopo essere passati per Buenos Aires, i piloti della MotoGP e della Moto2 sono finalmente arrivati a Termas de Rio Hondo, a più di mille chilometri della capitale, per avere un primo assaggio del nuovo circuito che dovrebbe entrare in calendario dal prossimo anno. I motori si sono accesi per la prima volta questa mattina alle 10, per il primo dei due giorni di test sulla pista argentina. Alle prove è presente la Honda con Alvaro Bautista e Stefan Bradl, la Yamaha con Cal Crutchlow mentre in rappresentanza delle CRT c’è Hector Barbera con la FTR-Kawasaki del team Avintia. In pista anche le Moto2 con Esteve Rabat, per il team Pons, e Nicolas Terol, per Aspar.

Esteve RabatAlla vigilia, tutti i piloti si sono detti curiosi di affrontare il nuovo circuito che sulla carta si annuncia come molto veloce e tecnico. Quando sono passate appena due ore dall’inizio delle prove (i piloti staranno i pista ancora per una, poi ci sarà una pausa prima di riprendere nel pomeriggio) è stato Bradl a far segnare il primo riferimento. Il pilota LCR ha percorso 11 giri, il migliore in 1’49”903. Alle sue spalle, con due tornate in più all’attivo Crutchlow, a circa un secondo (1’50”930), mentre terzo è Bautista (1’51”805). Più staccato Barbera, che in classifica è dietro alla Kalex di Rabat (1’53”266 contro 1’53”905) anche se i tempi sono logicamente destinati a scendere ed Hector ha percorso solo 7 giri contro i 22 di Tito. Ultimo Terol, con un crono di 1’56”999.

AGGIORNAMENTO. Nell’ultima ora, prima della pausa per il pranzo, Stefan Bradl è riuscito a ritoccare ulteriormente il suo tempo a Termas de Rio Hondo. Il pilota della Honda ha fermato il cronometro, all’ultimo dei suoi 26 giri, sul 1’47”075. Inavvicinabile, al momento, per gli altri il limite fissato dal tedesco, con Crutchlow a + 2”529 e Bautista a + 2”536, entrambi hanno completato 29 tornate. Passi vantai anche per Barbera, ora davanti alle Moto2, con il crono di 1’51”943. Con le 600, Rabat (1’52”552), stakanovista con 39 passaggi, ancora davanti a Terol (7”419).

I TEMPI ALLE 13


I TEMPI ALLE 12


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti