Tu sei qui

SBK, Giugliano: ho imparato dagli errori

Primo podio 2013: "Ho trovato la svolta all'anteriore, ora guido meglio"

Sorride, scherza, si lascia finalmente andare Davide Giugliano dopo Gara 1 della SBK ad Imola. Il romano del team Althea aveva sempre mostrato la propria velocità fin qui, semmai era la costanza a mancare. Invece in Gara 1 della Superbike ad Imola, il romano non ha commesso errori: dopo un tentativo di fuga, ha lottato a lungo con Tom Sykes, centrando il suo primo podio della stagione davanti al pubblico italiano.

"È stata una gara pazzesca, dura, difficile – le sue prime parole, rigorosamente in italiano dopo essersi scherzosamente rifiutato di parlare inglese davanti ai fan – Sapevo di non avere il passo per andare via da solo, quindi ho lasciato passare Tom e cercato di seguirlo. Ma da metà gara in poi, quando mi sarei aspettato che il ritmo calasse, lui ha fatto un altro mestiere. Cercherò di osservarlo ancora più da vicino in Gara 2 per carpirgli qualche segreto".

Il secondo posto di Imola è il frutto di mesi di duro lavoro e qualche momento nero. Alla velocità innegabile, avevano spesso fatto da contraltare alcune sbavature di troppo. Oggi invece, non ce ne sono state.

"Infatti temevo di fare cavolate (il termine scelto dal pilota era leggermente più colorito) – ha scherzato – In realtà abbiamo fatto un ottimo lavoro con la squadra. Chiudere primo su Aprilia è un bel risultato. Ho imparato molto dai miei errori, e con qualche piccola modifica all'anteriore sono riuscito ad essere più costante. Guido meglio, ma si può fare anche di più".

Già da ora però, le spalle (comunque larghe) del 23enne romano, si sentono più leggere.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti