Tu sei qui

SBK, Aprilia: striscia di podi a rischio

SBK: i due ufficiali ad un decimo dalla prima fila, ma "non al livello di Rea e Sykes"

La Superpole di Imola ha lasciato l'amaro in bocca ai piloti ufficiali di Aprilia, abituati ad essere protagonisti, spesso in coppia, nel Paddock Show post-qualifiche. Sylvain Guintoli (+ 0.876) e Eugene Laverty (+ 0.950) hanno invece chiuso rispettivamente in quarta e quinta posizione. Il distacco dalla prima fila, visto lo stratosferico 1'45.981 di Sykes, rimane comunque di solo un decimo (dal terzo tempo di Giugliano), ma sembra che alla squadra di Noale manchi ancora qualcosa in termini di passo per puntare al podio sul quale è sempre salita quest'anno.

"È stata una giornata decisamente migliore rispetto a ieri – ha affermato Guintoli, in testa alla classifica iridata con 213 punti – Abbiamo lavorato tanto sul setup della mia RSV4, cambiando molti parametri, e sembra che ora funzioni meglio. Il tempo nella Superpole è stato rovinato da un piccolo errore nell’ultimo settore, potevamo stare in prima fila, ma ciò che conta è che ora mi diverto a guidare e se nel warmup di domani riusciremo a trovare qualche altro decimo potrò puntare a due belle gare".

Meno ottimista il suo compagno di squadra Laverty.

"Era da Silverstone dello scorso anno che partivo sempre in prima fila, prima o poi doveva succedere – ha concluso filosoficamente l'irlandese – In realtà abbiamo faticato tutto il weekend, abbiamo ancora bisogno di migliorare per potercela giocare con Rea e Sykes. Siamo cresciuti durante le sessioni ma non ho ancora la moto che vorrei per le gare di domani”.

A preoccupare Laverty, la possibilità di fare un errore in gara. Fin qui, il pilota Aprilia ha accumulato più successi di chiunque altro (4), ma anche alcuni “zeri” che lo hanno relegato al terzo posto nel mondiale con 174 punti.

"Il tempo che mi è valso la quinta posizione l’ho fatto con gomma da gara, questo significa che spingendo al massimo e rischiando posso togliere quasi un secondo al mio passo, ma purtroppo non lo si può fare per più di due giri".


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti