Tu sei qui

News Prodotto, Pol Espargaro rimane imprendibile

Moto2 QP: Buon settimo posto di Mattia Pasini, Corti risale undicesimo

Il venerdi di Assen si chiude con le prove di qualificazione della classe Moto2 che, in questo fine settimana, vede un Pol Espargaro in piena forma, capace di bissare il miglior tempo ottenuto in mattinata durante la terza sessione di prove libere. 1'38.691 il riferimento cronometrico dello spagnolo del team Pons, che precede uno Joann Zarco anch'egli protagonista in terra d'Olanda, che accusa un ritardo di 99 millesimi.

A chiudere la prima fila ci pensa Scott Redding. Il pilota del team capitanato da Michael Bartholemy chiude la sessione di qualificazione a 145 millesimi da quello che, ad oggi, è il suo più grande rivale in campionato; una situazione che si pone al di là del punteggio quella tra Redding ed Espargaro, e che si propone sopratutto a livello psicologico, con anche oggi piccole scaramuccie una volta passati sotto la bandiera a scacchi.

Quarta posizione per Esteve Rabat (+0.239), seguito da Xavier Simeon (+0.362) ed un Anthony West in buona forma (+0.538).

Dietro l'australiano del team QMMF, ecco sbucare il primo rappresentante della pattuglia italiana, Mattia Pasini, con la Speed Up del team NGM Forward, staccato di soli 7 millesimi da West. Il romagnolo precede Mika Kallio (+0.560) ed un redidivo Mike Di Meglio (+0.563). Chiude la Top Ten Dominique Aegerter, che precede il campione in carica della Moto3 Sandro Cortese a 569 millesimi di secondo dalla vetta.

Gli altri italiani: Simone corsi 12esimo, Alex De Angelis 17esimo. Da sottolineare inoltre la prestazione un pò sottotono di Thomas Luthi, che chiude in 18esima posizione, e di un Toni Elias in crisi, 21esimo ed ultimo pilota a contenere il distacco dalla vetta in meno di un secondo, a conferma di quanto il livello prestazionale sia veramente molto livellato tra i protagonisti di questo mondiale Moto2.


I tempi:


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti