Tu sei qui

News Prodotto, Moto2 FP3: Espargaro dopo la rossa

Il migliore dei nostri è Mattia Pasini, nono a sette decimi

Il grande j'accuse della giornata continua a riversarsi verso le condizioni dell'asfalto di Assen che, in combinazione con le mutevoli condizioni del tempo, sta portando cadute a ripetizione.

Dopo il volo di Jorge Lorenzo e quello di Marc Marquez in mattinata, a farne le spese nel turno di Moto2 è stato Rafid Topan Sucipto, pilota del team QMMF. Un high-side alla curva 8, la Stekkenwal, che ha comportato una bandiera rossa prolungata per l'intervento dell'ambulanza a bordo pista. Tanta la preoccupazione per il pilota indonesiano, trasportato al centro medico cosciente, dove è stato sottoposto ad una radiografia alla caviglia sinistra.

La bandiera rossa è coincisa con l'arrivo di un forte vento che ha asciguato la pista, facendo quindi migliorare i riferimenti cronometrici negli ultimi tredici minuti di sessione cronometrata. Se prima dello stop forzato il migliore era stato Joann Zarco, al termine di questa FP3 a spuntarla è Pol Espargaro che ferma il cronometro in 1'39.660, 237 millesimi meglio del suo compagno di squadra, Esteve Rabat con la seconda Kalex. Doppietta Pons quindi, che segue altri due piloti della stessa compagine, quella del team Marc VDS che piazza Mika Kallio terzo (+0.254) e Scott Redding quarto (+0.285).

Sesta posizione per Thomas Luthi, che accusa un ritardo di sei decimi da Espargaro, seguito a ruota da Anthony West, solitamente specialista in queste condizioni di umido. Il migliore dei nostri rappresentanti è ancora una volta Mattia Pasini, che chiude al nono posto (+0.704) davanti ad Alex De Angelis (+0.722). Male invece Simone Corsi che chiude solo al 27esimo posto (+2.845). Da sottolineare che in un secondo sono racchiusi tredici piloti, con Dominique Aegerter che chiude con un ritardo di 980 millesimi dalla vetta.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti