Tu sei qui

MotoGP, Lorenzo proverà a correre ad Assen

Difficile ma non impossibile la sua presenza in gara. Atteso in Olanda in giornata

Le possibilità sono piccole, ma Jorge Lorenzo non sembra volere lasciare nulla di intentato. A poche ore dall’operazione alla clavicola sinistra fratturata ieri i suoi pensieri sono già rivolti nuovamente ad Assen e al Gran Premio. Il maiorchino è ancora all’ospedale di Barcellona e in giornata potrebbe tornare in Olanda. “Jorge vuole venire per stare vicino al suo team, appena sapremo di più sulle sue condizioni potremo essere più precisi” la versione ufficiale di Yamaha nelle prime ore del mattino.

Una volta qui, però, il passo dal box alla moto potrebbe essere breve. “Non affrettiamo i tempi, se volesse veramente tentare di guidare ci sono molte variabili da considerare e dovrebbe passare tutti i controlli medici” continuano i portavoce del team. Ma quella di Jorge è più di un’idea, il campione del mondo vuole provarci, non perdere punti e lottare con tutti i suoi mezzi.

Michele Macchiagodena, Direttore Medico del campionato è chiaro: “teoricamente le possibilità che corra ci sono, perché sarebbero passate più del minimo di 24 ore dall’anestesia – sottolinea – Però le chance che sia in grado di guidare sono molto piccole”. In questo momento Lorenzo è dichiarato non idoneo a correre, ma secondo il regolamento un pilota può richiedere un riesame da parte della commissione medica in qualsiasi momento e per quante volte vuole.

Sarebbe un azzardo, ma Lorenzo non vuole arrendersi senza averci provato. Il primo passo è prendere un aereo un giornata per tornare ad Assen, poi sottoporsi a tutti i controlli medici del caso, perché gli servirà il benestare dei dottori per rimettersi casco e tuta. Un’impresa impossibile? Mai dire mai.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti