Tu sei qui

MotoGP, De Puniet e Aoki a caccia delle CRT

UPDATED. TEMPI ALLE 17 In testa Lorenzo, cade Rossi. Iannone sulla 'lab'

Proseguono i test a Barcellona con l'unica Honda in pista, quella di Stefan Bradl, al comando. Il pilota tedesco del team LCR ha girato in 1.42.227. Marginalmente più veloce del coriaceo Nicky Hayden che dopo aver brevemente provato la GP13 'lab' ha preferito tornare sui suoi passi e continuare lo sviluppo della Desmosedici con la quale non ha terminato il Gran Premio a causa di una caduta. Nella Q2 Kentucky Kid aveva girato in 1.41.800, dunque non è troppo lontano dalle qualifiche.

Dopo il trionfo di ieri Jorge Lorenzo è tornato in pista per onore di firma e per provare una nuova posizione di guida, resa possibile da un nuovo serbatoio. Il maiorchino sta limando sui dettagli, ma si vede che fatica. Se poi, come si dice, la Honda proverà la RC213V in versione 2014 ad Aragon e potrebbe farla debuttare già questa stagione, sarà ancora più dura.

Impegnato anche Dovizioso. Il forlivese sta continuando a valutare le due versioni della GP13 a sua disposizione e se Nicky ha fatto il tempo con la moto con cui ha corso, Andrea al contrario lo ha realizzato con la versione evoluzione.

Sul fronte Ducati Emanuele Pirro smetterà di provare presto: deve rientrare in Italia per partecipare ai funerali della presidentessa del suo fan club, scomparsa improvvisamente. Il suo posto sarà preso da Andrea Iannone che quindi guiderà la versione laboratorio.

Fra i big Crutchlow anche oggi è davanti a Rossi, mentre Randy De Puniet, con il prototipo Suzuki, ha il 14° tempo alle spalle di Espargarò e Smith, staccato di meno di sette decimi.

Nel box Suzuki si lavora con calma. Il francese ed il collaudatore giapponese Nobuatsu Aoki si scambiano le impressioni ma ci le diranno solo al termine della giornata.

AGGIORNAMENTO. Quando manca un’ora alla fine dei test, il nome in cima alla lista dei tempi è cambiato: Jorge Lorenzo ha scavalcato Stefan Bradl di tre decimi abbondanti. Il maiorchino è stato l’unico a scendere sotto la barriera del 1’42”, girando in 1’41”908. Non cambia invece il riferimento di Valentino Rossi, protagonista di una caduta che ha lasciato qualche segno sulla M1 ma non sul suo fisico.


In casa Ducati, lavoro frenetico al box Pramac per sistemare una delle moto laboratorio di Pirro (che ha finito la giornata di prove poco dopo le 16) per Iannone. Andrea dovrebbe riuscire a usarla negli ultimi sessanta minuti a disposizione. Anche Nicky Hayden nel pomeriggio è salito sulla nuova Desmosedici, dopo averle preferito per quasi tutti il giorno la vecchia.

I TEMPI ALLE 17

I TEMPI ALLE 16

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti