Tu sei qui

News Prodotto, Redding nega l'en plein alla Spagna

WUP: il britannico toglie la scia (e la calma) a Espargaró. Moto3: iberici in fuga

Il GP di Catalogna parla spagnolo anche nelle classi minori. Dopo le qualifiche, i piloti iberici hanno dominato anche il WUP, preparandosi a far risuonare il proprio inno davanti al pubblico di casa. Nella Moto3, Rins, Viñales e Salom hanno posto le basi per una gara in fuga, mentre nella classe intermedia solo Scott Redding è riuscito a mettersi alle spalle Rabat ed Espargaró.

Moto2 – Espargaró, ieri padrone assoluto in qualifica, rimane il favorito quanto a ritmo di gara. Lo spagnolo è stato però scavalcato dal compagno di squadra Rabat (2º a + 0.174) ma soprattutto dal capo-classifica Redding, che ne ha sfruttato il "traino" (facendolo, peraltro, infuriare) fino a staccare un 1'46.849.

Questo terzetto ha fatto la differenza, con i distacchi che aumentano alle loro spalle: Nakagami insegue a quattro decimi, e la solita classifica corta nel secondo gruppo vede Pasini come il più veloce degli italiani, tredicesimo davanti a De Angelis a + 0.973. Qualche problema di troppo per Corsi, 33º con caduta sul finale.

Moto3 – È sempre la Spagna ad occupare le posizioni alte della classifica, con il trio composto da Rins, Viñales e Salom (tutti su KTM) sugli scudi ed apparentemente pronti ad una battaglia ad armi pari in gara. Il rookie dell'anno 2012 si aggiudicato il WUP con un tempo di 1'52.180, un secondo più lento di quanto fatto in qualifica (dove ha chiuso al secondo posto), a causa di qualche nuvola comparsa nel cielo di Barcellona che ha abbassato leggermente le temperature di aria e asfalto. Viñales e Salom sono a un decimo, mentre Jack Miller è stato ancora una volta il più veloce su Honda, a + 0.339. I primi 16 piloti sono comunque racchiusi in un secondo.

Italia che sale, Italia che scende. Con temperature leggermente più fredde, è riuscito a scalare la classifica Romano Fenati, 22º in qualifica ma 10º questa mattina a + 0.840 pur avendo girato su tempi di qualche decimo più alti rispetto a ieri. Perde invece posizioni Niccolò Antonelli, che partirà dalla terza fila ma ha fatto registrare il 18º tempo (+ 1.186, due decimi di distacco in meno rispetto alla qualifica) negli ultimi venti minuti a disposizione prima della gara.

Tonucci è 23º, Baldassarri 24º, Migno 26º, Ferrari 29º, Bagnaia 30º.

I tempi:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti