Tu sei qui

MotoGP, Iannone e Pirro: Ducati a due facce

Andrea: "il mio miglior sabato". Michele: "non mi aspettavo tanti problemi con la D16 lab"

A Barcellona l’anno scorso Andrea Iannone aveva vinto con la Moto2, oggi ha fatto le sue migliori qualifiche in MotoGP. Terza fila e ottavo tempo, davanti a Dovizioso e alle spalle di Rossi, con il tempo di 1’41”963, sette decimi meglio del crono che gli aveva permesso di entrare nelle Q2. “Questa volta è girato tutto per il verso giusto, a parte l’otite nessun altro problema da segnalare – scherza l’abruzzese – Posso essere contento perché siamo riusciti a lavorare bene, e devo ringraziare la squadra, migliorando turno dopo turno, mi sento bene sulla moto”.

Andrea è logicamente soddisfatto, “è probabilmente il miglior sabato dall’inizio della stagione, ma anche al Mugello eravamo ottimisti per la gara e poi ci sono stati problemi inaspettati” tira il freno. Anche perché i limiti della Desmosedici non sono scomparsi, “faccio fatica a rallentate la moto – spiega – e siamo costretti a utilizzare un setting non ottimale per caricare il posteriore che scivola in entrata di curva. Ma siamo riusciti a migliorare, anche questa mattina nonostante la posizione il nostro distacco era diminuito”.

Sembrano esserci tutti gli elementi per una buona gara. “Quello che mi rende ottimista è essere riuscito a girare su un buon passo anche da solo – sottolinea – Si è visto anche nelle Q1, dove abbiamo trovato delle buone soluzioni per sfruttare la gomma morbida. L’unico dubbio che mi rimane è quello sulla scelta dello pneumatico. Sarei più orientato sulla soffice, ma anche con la dura sono riuscito a tenere un buon ritmo. Sono indeciso”.

Di tutt’altro umore Michele Pirro, 13° e alle prese con una Ducati al limite dell’inguidabile. “Qui siamo in una pista completamente diversa dal Mugello e con temperature molto più alte – spiega – E’ la prima volta in queste condizioni e la Desmosedici si sta comportando in una maniera inaspettata. I problemi di pompaggio sono grandi e inficiano tutta l’uscita della curva. A causa di questo problema non riuciamo a sfruttare il potenziale della moto”.

La situazione sembra praticamente identica a quella di ieri, “siamo partiti dal setting del Mugello, ma qui non funziona – ammette Pirro – Un po’ è il layout della pista che influisce sul comportamento della moto, ma penso che un ruolo maggiore lo abbiano le alte temperature. Non essendoci molto grip, il posteriore si muove moltissimo”.

Articoli che potrebbero interessarti