Tu sei qui

News Prodotto, WSS: Lowes fa poker a Portimao

Quarta vittoria consecutiva per Sam, davanti a Foret e Sofuoglu. Antonelli 7°

Quarta vittoria consecutiva per Sam Lowes a Portimao su sei gare. Il britannico della Yamaha ha dimostrato di essere sempre un passo avanti sugli avversari. Ha usato la strategia fino agli ultimi giri, poi si è affidato al proprio polso destro e dopo un corpo a corpo spettacolare con Sofuoglu e Foret è riuscito addirittura a tagliare il traguardo con un vantaggio. La coppia della Kawasaki esce sconfitta ma con l’onore delle armi, avendo tentato il tutto per tutto fino alla fine. Buon quarto posto anche per il campione europeo della Stock 600 Vd Mark, che era riuscito anche a colmare il gap dai primi tre e ha lottato con loro senza timori reverenziali. Lowes comanda anche in classifica con 120 punti, Sofuoglu è a 81, alla pari con Foret.

Positivo anche il settimo posto di Antonelli e anche Raffaele De Rosa sembra avere rivisto la luce portando la sua Honda in nona posizione, dietro a Scassa. Ha deluso la MV Agusta dopo il podio inglese, Rolfo ha pagato la giovinezza del progetto con un ritiro, Iddon ha salvato parzialmente il bilancio con un 10° posto.

LA GARA – Ancora prima della luce verde, nel giro di ricognizione, Riccardo Russo deve dire addio alla sua gara a causa di un problema tecnico alla sua Kawasaki che si è spenta e più riaccesa. Allo scatto Sofuoglu ha la meglio su Lowes, seguono Foret, Morais, Scassa e Kennedy, Antonelli è 8°, De Rosa 9° e Rolfo già 10°, seguito dal compagno di squadra Iddon. Lowes non perde tempo e passa all’inizio del secondo giro il turco, che viene scavalcato anche da Foret.

Al terzo giro Kennedy salta Morais e poco dopo Foret si mette in testa alla gara. Il francese e il britannico incominciano a fare segnare giri veloci ma Sofuoglu non ci sta e si mette subito al loro inseguimento. I nostri soffrono: De Rosa è il migliore in settima posizione, seguito da Scassa, Antonelli e Rolfo. Intanto, ad appena un quarto di gara il vantaggio dai primi tre dal gruppo degli inseguitori supera già i due secondi. Al settimo giro la Direzione Gara comunica la penalizzazione del ride through per Menghi.

A metà gara Lowes si riprende la prima posizione, il quarto posto se lo giocano Vd Mark, Morais e Kennedy, mentre il gruppo degli italiani è più staccato. Foret, dei primi tre, sembra essere quello più in difficoltà e infatti all’undicesimo giro Sofuoglu lo passa e si rimette alla caccia del britannico della Yamaha che ha incominciato la sua fuga.

Gli sforzi del turco sono ripagati e Lowes non riesce a scappare, anche Foret rimane attaccato con unghie e denti alla coppia di testa. Al 15° giro il pilota della Yamaha fa passare platealmente Sofuoglu e gli si riaccoda prima di ripassarlo dopo una tornata. Al 17° il turco gli risponde. Al 18° giro i tre vengono raggiunti anche dalla Honda di Vd MarK che si mette in terza posizione davanti a Foret. Rolfo invece è costretto a rientrare ai box per un problema di elettronica.

Tutto si decide negli ultimi due giri, Vd Mark infila Lowes ma il britannico non si tira indietro nel corpo a corpo e all’inizio dell’ultimo giro è lui in testa. Alla prima curva però Foret lo infila mentre Sofuoglu e Vd Mark sono ai ferri corti. Lowes si prende la prima posizione a metà giro, le Kawasaki le sono dietro ma perdono qualche metro decisivo per giocarsi tutto in volata. Secondo è Forte, 3° Sofuolgu, 4° Vd Mark, poi Morais e Kennedy. Primo degli italiani Antonelli, davanti a Scassa, De Rosa e alla MV di Iddon. Nei punti anche Roccoli, Baldolini, Zanetti e Marconi, nell’ordine dal 12° al 15° posto.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti