Tu sei qui

SBK: BMW lavora su ciclistica e motore

Test Aragon: meteo guastafeste, Melandri e Davies cercano maggior regolarità

"Serve qualcosa in più", aveva detto Melandri a Donington. Detto, fatto. Dopo il campanello d'allarme suonato dal ravennate, il team BMW Motorrad GoldBet SBK si è recato ad Aragon per due giorni di test con i suoi piloti ufficiali.

Nonostante lo zampino del meteo – pioggia mercoledì e forte vento giovedì – Melandri e Davies sono riusciti a lavorare sulla ciclistica e sul motore delle loro BMW S1000 RR, valutando diversi setting e nuove componenti. In totale, 263 giri e 1353 chilometri percorsi dai due in vista dell'appuntamento di Portimao, fissato per il 9 giugno.

“Il meteo ha reso questi test abbastanza difficili – ha detto MelandriAbbiamo avuto diversi scrosci di pioggia ed è stato molto ventoso. Ci siamo dedicati, principalmente, a testare nuove soluzioni per il set-up della moto. Abbiamo fatto alcuni miglioramenti e ora, credo, abbiamo capito meglio in quale direzione andare con i pneumatici da 17”. Detto questo, abbiamo ancora del lavoro da fare per migliorare ulteriormente e trovare il set-up perfetto".

Soddisfatto a metà anche Chaz Davies, reduce da due gare opache dopo aver stupito tutti con la doppietta conquistata proprio ad Aragon.

"Abbiamo provato alcune soluzioni di base e speravamo di fare un po’ di più ma è stato incredibilmente ventoso – ha detto il britannico – Abbiamo tentato di provare al meglio possibile visto il vento forte e siamo riusciti a trovare un paio di soluzioni che sembra possano aiutarci. Inoltre ora abbiamo le idee più chiare su alcuni dettagli della moto e sulle nuove parti che dovevamo valutare. Complessivamente un test positivo, speravo solo che il tempo fosse un po’ migliore".

Con un terzo della stagione alle spalle, la squadra deve lavorare a ritmi serrati per non perdere il contatto in classifica con le Aprilia ufficiale e la Kawasaki di Tom Sykes.

"É sempre positivo poter provare in questo momento della stagione anche se questo ha richiesto un grande sforzo da parte di tutti, visto quanto é serrato il programma – ha detto il direttore tecnico Andrea Dosoil Era comunque importante perché volevamo lavorare su alcune problematiche che avevamo avuto nell’ultima gara. Abbiamo sfruttato quest’opportunità per fare alcuni test che non abbiamo mai il tempo di fare durante i weekend di gara".

Gli stili di guida e gli assetti sostanzialmente diversi tra Melandri e Davies hanno consentito alla squadra di fare prove comparative.

"Lavorando sul set up della ciclistica, abbiamo cercato di migliorare il feeling di Marco con l’anteriore e per Chaz il grip al posteriore, per assicurare a entrambi i piloti delle prestazioni più costanti – ha aggiunto Dosoli – Entrambi hanno anche provato un aggiornamento di motore, che promette bene, ma che deve ancora essere analizzato in dettaglio".

Articoli che potrebbero interessarti