Tu sei qui

Ducati: Dovi "opportunista" al Mugello

Previste prove bagnate e gara asciutta: "I test fatti qui sarebbero un vantaggio"

Andrea Dovizioso potrebbe avere un aiuto insperato al Mugello: il meteo. Non tanto perché la pioggia esalta la Desmosedici, questo si sa, ma perché c'è il rischio che si corra una gara asciutta ma "alla cieca", dal momento che le previsioni attuali danno tutti i turni bagnati. La squadra di Borgo Panigale è stata l'unica a provare sul tracciato toscano quest'anno, un vantaggio che potrebbe rivelarsi cruciale. Come accadde lo scorso anno a Misano, con Rossi che conquistò il suo unico podio "asciutto" su Ducati, chiudendo secondo in gara.

"Il meteo può essere un vantaggio per noi che abbiamo già girato qui, ma non dobbiamo illuderci perché gli avversari sono tanti, fortissimi e su moto competitive – ha detto "Dovi"Almeno in tre piloti si giocano il mondiale, e non hanno bisogno di fare tanti test per andare forte. Dobbiamo restare coi piedi per terra ed essere pronti a sfruttare situazioni favorevoli se ce ne saranno".

Come del resto hai fatto lo scorso GP. Come si adatta la Ducati a questa pista?

"Credo che il Mugello sia simile a Le Mans in termini della nostra competitività. Il layout della pista si adatta bene alla Ducati. Ci sarà un gap, ma non così grande. Sull'asciutto è una pista molto fisica, dove è difficile mantenere l'energia sulla distanza di gara. Però resto positivo".

Cosa ti aspetti in caso di prove asciutte e gara bagnata?

"È una pista speciale, difficile, dove bisogna essere molto scorrevoli. Se non si potesse provare sull'asciutto, in gara potrebbe succedere di tutto. Per questo dico che possiamo fare una buona gara, ma non posso predire il podio".

Chi vedi come favorito?

"Bisogna vedere le reazioni dei piloti dopo la gara di Le Mans. Se Lorenzo è arrabbiato o meno… Non dimentichiamoci che l'anno scorso qui ha fatto un week-end incredibile. Dani sta bene e va forte dappertutto. I nostri test sono stati positivi, ma bisogna ancora vedere se ci porteranno più avanti rispetto ad altre gare".

Pare invece che per gli aggiornamenti alla GP13 dovrai aspettare più del previsto….

"Ci sono stati un po' di cambiamenti di programma, ma in Ducati stanno lavorando giorno e notte. Ovviamente questi non sono i risultati che vogliamo, e non ci siamo avvicinati ai primi. Prima di portare materiale nuovo, bisogna assicurarsi che faccia la differenza, magari anche posticipandone il debutto. Il divario che dobbiamo colmare non è piccolo".

Se non altro ti stai rivelando un animale da qualifica…

"A Le Mans non mi aspettavo di fare quel tempo lì, da solo, al terzo giro con la gomma nuova. A volte ho fatto il giro veloce, a volte no. Ogni tanto sono riuscito a sfruttare meglio degli altri il grip con la gomma nuova, nascondendo i lati negativi della moto. Qui sarebbe importante partire davanti, ma ancora io e la moto dobbiamo 'capirci' meglio".

Articoli che potrebbero interessarti