Tu sei qui

Donington, Il bello, il brutto, il cattivo

Il mondiale riaperto, lo spettacolo che non c'è, il rinvio delle decisioni regolamentari

La doppietta conquistata da Tom Sykes sul circuito di Donington Park ha sicuramente riaperto il mondiale, visto che il britannico si è portato a soli quattro punti da Guintoli e Laverty non è lontano. Lo spettacolo a cui la Superbike ci ha abituato ancora manca e si continua a guardare indietro piuttosto che avanti.

IL BELLO - Il mondiale si è riaperto e Portimao potrebbe fornire ancora un motivo per allargare ulteriormente la platea dei candidati alla vittoria finale. Anche se già sembra una vita che il Campionato sia iniziato, siamo solo ad un terzo e di cose ne potranno accadere molte prima della fine.

IL BRUTTO - Il dominio di Tom Sykes ha reso sonnolenta la battaglia per la vittoria ma dietro non sono mancati alcuni "numeri". Quest'anno, però la Superbike stenta a decollare come emozione e pur fornendo spunti tecnici - rilevabili però solo dai più attenti - non fa saltare sulle poltrone gli appassionati.

IL CATTIVO - Il definitivo forfait del team Liberty e l'assenza del team HTM che unito ai forzati forfait di Haslam e Checa ha portato ad uno schieramento veramente ridotto ai minimi termini. Le scelte regolamentari di alcune federazioni nazionali non riconducibili ad un progetto globale ha portato anche all'assenza di wild card. Subito dopo la decisione sui regolamenti, la Dorna farà bene a fare una nuova riunione con la FIM e con le principali Federazioni nazionali per realizzare un progetto condiviso che incentivi l'arrivo delle wild card (ma di qualità!...)

Guintoli e LavertyLA DELUSIONE - Il rinvio della riunione della MSMA - che non è stata nemmeno convocata a Donington Park, dove era, invece, prevista. Questo può significare due cose: o che la situazione è decisa e manca solo la ratifica che può avvenire anche a Portimao oppure che è così lontana dalla soluzione che si cerca una mediazione lontano dal tavolo delle trattative. Il tempo passa, però, e ce necessità di arrivare al più presto ad una definizione perché bisogna preparare le moto per il 2014.

LA SORPRESA - Il continuo ritorno al passato (che nulla ha a che vedere con la sua valorizzazione) che rischia di fermare l'evoluzione della Superbike. Ne abbiamo già parlato su GPone.com: continuare a fare riferimento a possibili ritorni non porta nulla di buono. A lungo si è parlato di un rientro di Bayliss, poi di quello di Biaggi ed oggi della gara di Haga. Questo significa non avere idee e spunti per guardare al futuro e, se vogliamo, nemmeno la voglia di dare senso e valore al presente. E senza dire che tra gli attuali protagonisti della Superbike ci siano supercampioni (anche se in qualche caso non è nemmeno giusto affermare il contrario a priori...).

IL SORPASSO - Quello un po'... deciso di Giugliano ai danni di Laverty. Il giovane romano ha approfittato di un varco per passare e poi ha difeso la "corda" in uscita. Magari con un'azione un po' troppo forte che, però, è stata da tutti considerata normale, salvo che - ovviamente - da Eugene Laverty.

Davide GiuglianoL'ERRORE - E' stato quello commesso da Niccolò Canepa nel finale della Superpole. Senza quella sbavatura la Ducati sarebbe partita più avanti nello schieramento, cosa che avrebbe aiutato nel morale anche se non avrebbe cancellato le difficoltà di questo momento.

LA CONFERMA - Le non buone condizioni fisiche di Carlos Checa. Non era possibile che lo spagnolo andasse così piano solo per l'attuale situazione della Ducati Panigale. Le prestazioni di Canepa hanno dimostrato che si può fare sicuramente meglio e Carlos avrebbe potuto occupare posizioni migliori. La spalla lo ha fermato e lui ha forse minimizzato il problema. Ora deve solo pensare a risolvere definitivamente il problema ed a tornare al 100%.

IO L'AVEVO DETTO - "Quello che conta è che abbiamo un buon passo di gara per domani, l'assetto funziona bene e mi permette di girare con tempi costanti": così Tom Sykes al termine della Superpole. E tutto funzionava così bene che il vice Campione del Mondo Superbike 2012 ha centrato due vittorie...

Articoli che potrebbero interessarti