Tu sei qui

MotoGP, Mugello: Rossi stringe i denti

"Migliorare sull'asciutto per un podio". Lorenzo: "Pista che si addice alla Yamaha"

La squadra ufficiale Yamaha si prepara ad affrontare il quinto GP della stagione, in programma al Mugello, reduce da un fine settimana da incubo a Le Mans. Il detto "mal comune, mezzo gaudio" non si applica alle corse, e sia Rossi che Lorenzo si presentano sulle colline di Scarperia con l'amarezza di chi sa di non aver raccolto il massimo ed una feroce voglia di riscatto. Basterà per battere la coppia infernale di piloti Honda?

"Sono molto contento di correre al Mugello – ha detto il "Dottore", qui vincitore nove volte in carriera – Amo questa pista e non vedo l'ora di tornarci sulla Yamaha. Ci serve un buon risultato. Sfortunatamente non siamo ancora abbastanza veloci, dobbiamo migliorare, specialmente sull'asciutto".

A dargli man forte saranno i tifosi, da sempre presenti in massa a sostegno del biondo di Tavullia.

"L'atmosfera sarà fantastica, con tanti tifosi ed un bel clima. La gara del Mugello sarà difficile ma farò tutto il possibile per ottenere il miglior risultato. Dobbiamo lavorare sulla moto. Un podio sarebbe bello".

Non fa pronostici Jorge Lorenzo, vincitore qui lo scorso anno in versione "Black Mamba", ma lascia intendere di essere pronto a dare battaglia.

"Non vedo l'ora di tornare in pista dopo un fine settimana deludente a Le Mans – ha dichiarato il maiorchino, ora a -17 da Pedrosa in classificaÈ stata una gara difficile e voglio recuperare punti su una pista a me favorevole. Mi piace il tracciato, con molte curve lunghe da affrontare ad alta velocità.

A tener banco è anche la sfida ingegneristica tra M1 ed RC213V, vinta per ora dalla moto di Tokyo. Basta un nulla, tuttavia, per ribaltare i valori in campo.

"Credo che anche la Yamaha possa trarre vantaggio dalla configurazione del tracciato – ha analizzato Lorenzo – L'unico punto debole per noi è il lungo rettilineo, dove i nostri rivali sono avvantaggiati, ma in generale la moto si adatta bene a questa pista. Dobbiamo trovare subito il ritmo giusto per iniziare a rimontare sui primi, ma il campionato è lungo quindi bisogna innanzitutto restare calmi".

Articoli che potrebbero interessarti