Tu sei qui

Giugliano: "La mia più bella gara"

Il romano soddisfatto delle prestazioni della sua Aprilia vicina alle ufficiali

Ha messo un po' di "pepe" nella lotta per le posizioni a ridosso del podio. Anche con manovre... forti.

Ma Davide Giugliano sa che questa occasione di avere a disposizione una moto competitiva anche se privata (con i colori del team Althea Racing) è da non perdere.

"Oggi sono state belle gare, - ci ha detto il ventitreenne romano - difficili quando combatti con piloti forti e con moto ufficiali. La nostra moto è vicina ma si può migliorare ed abbiamo visto che non c'è grande differenza".

- Le due gare sono state differenti

"In gara 1 tutti i migliori, compreso me, hanno fatto degli errori ed il risultato nasce da questa serie di ca...te. Ho faticato a fare entrare in temperatura gli pneumatici dopo il giro di ricognizione che ho fatto lento e, quindi, ho girato forte più tardi.

In gara 2 questo problema non c'è stato perché ho fatto il warm up lap più veloce e la gomma è rimasta in temperatura. Sono riuscito ad andare forte dal primo all'ultimo giro".

- Questa è stata la tua più bella gara dell'anno?

"Sinceramente non ho avuto sinora molte possibilità di fare belle gare ma sicuramente questa è la migliore dell'anno".

- Cosa è successo con Laverty?

"Niente... - risponde con gli occhi sornioni - sono uscito davanti dalla curva e lui ha accelerato. Ho fatto altrettanto e la moto ha leggermente sbandato, non potevo fare nulla..." chiude con un sorriso enigmatico.

Il pubblico, comunque, ha gradito anche il gesto interrogativo con la mano di qualche metro dopo...

Articoli che potrebbero interessarti