Tu sei qui

Melandri: "Eravamo al limite"

Secondo Marco se la gara fosse stata oggi, forse non si sarebbe corso per il vento

Il suo buonumore potrebbe essere riconducibile al fatto che questa freddissima e piovosa giornata è terminata ma è più probabile che sia da attribuire al terzo tempo ottenuto da Marco Melandri in condizioni difficilissime.

- Hai lavorato mezza giornata, oggi...

"Direi mezzo turno! - ci ha detto il ravennate - Ho girato più che altro per vedere che tutto funzionasse e devo dire che siamo andati più veloci di quanto prevedessi".

E non sembri azzardata la parola velocità se consideriamo la bassa temperatura - 9° dell'aria e 4° dell'asfalto! - che ha comunque consentito a Melandri di girare in 1'31"571 a poco meno di quattro secondi dal giro record di Spies. Lo scorso anno Marco aveva girato in 1'29"28.

"Le condizioni erano veramente al limite. - prosegue Marco - Se la gara fosse stata oggi non so se sarebbe stato possibile correre con questo vento fortissimo ed a tratti e le chiazze di umido non sempre visibili sull'asfalto. Speriamo che domani e dopo il meteo migliori".

- Oggi eravate tutti nelle stesse condizioni e tu hai realizzato il terzo tempo...

"Sì, questo mi da fiducia per i prossimi giorni, perché ho visto che posso stare con gli altri e giocarmela..."

- Per stare davanti Sykes è addirittura caduto

"Può capitare. Alla curva 4 ho trovato anche io della pioggia e lui è finito sul bagnato. Ma domenica in gara Tom sarà uno dei più tosti".

Stando a quanto visto oggi Melandri non dovrebbe essere molto lontano dal pilota della Kawasaki.

Articoli che potrebbero interessarti