Tu sei qui

News Prodotto, Pirelli ago della bilancia a Donington

SBK: ampia scelta di mescole a causa del meteo variabile

La Superbike si prepara a sbarcare sullo storico circuito di Donington con una situazione quantomai equilibrata in classifica (benché provvisoria dopo i ricorsi tra Aprilia e BMW a Monza): 5 piloti su 3 moto diverse, racchiusi in 43 punti. Sulla pista britannica, complice un meteo imprevedibile, le gomme possono giocare un ruolo decisivo. A questo proposito, la Pirelli porterà una serie di soluzioni che, a livello di durezza delle mescole, copre l’intera gamma disponibile.

In caso di condizioni climatiche miti, quasi sicuramente la scelta dei piloti ricadrà sulla SC0 di gamma perchè è quella più prestazionale e in grado di offrire il maggior grip, per contro però è meno protetta dal freddo e quindi più esposta al "cold tearing" se utilizzata con temperature troppo basse. A questo proposito, saranno disponibili anche soluzioni in mescola media.

Nella prima parte del circuito è richiesta una grande stabilità sull’avantreno, di conseguenza lo pneumatico anteriore dovrà come primo obiettivo mantenere il più possibile la propria conformazione e garantire il supporto necessario per gestire le curve in discesa. In particolar modo a caldo, dove l’elasticità e la rigidezza dello pneumatico diminuiscono, potrebbe risultare necessario l’uso di un anteriore rigido.

Ciò che interessa maggiormente il posteriore sono invece le fasi di accellerazione brusche e violente, specialmente quella in uscita dalla Coppice. In condizioni climatiche fredde la mescola battistrada, specialmente quella più morbida, fatica a raggiungere le temperature di esercizio corrette e, per via delle rigidità elevate, rischia di subire in fase di apertura gas lacerazioni e strappi superficiali. In questi casi, è consigliato utilizzare soluzioni posteriori più robuste.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti