Tu sei qui

News Prodotto, WUP Moto2 e Moto3: tutto da rifare

Le Mans: Miller ed Elias sugli scudi su pista umida. De Angelis 5º, ma l'Italia soffre

Dopo aver fatto i tempi in qualifica sull'asciutto, i piloti della Moto3 e Moto2 sono stati costretti a cambiare gli assetti in vista della gara a Le Mans a causa di una pista chiazzata con pioggia prevista per il prosieguo della giornata. Sugli scudi rispettivamente Jack Miller nella classe cadetta e Toni Elias nella intermedia, mentre faticano gli azzurri (De Angelis 5º in Moto2 l'unica eccezione).

Moto2 – Pasini (scivolato sul finale) e Rea sono stati protagonisti di un simpatico siparietto nei primi minuti, presi a "sportellarsi" come se fossero in gara. Nell'altalena dei tempi, Elias l'ha spuntata con un 1'50.186. Secondo tempo a sorpresa per Cardus (+ 0.119), che ha preceduto il pilota di casa Zarco (+ 0.546).

Quarto tempo "eroico" per la wild-card Rea (+ 0.572), specialista del bagnato in sella ad una FTR abbastanza datata e con i punti interrogativi al posto degli sponsor dopo un infruttuoso di "crowdfunding". Il britannico ha preceduto il sammarinese De Angelis, più veloce tra gli italiani a + 0.657.

Hanno mostrato un buon ritmo anche Terol (6º), Luthi (7º) e Simon (8º), mentre hanno avuto qualche difficoltà più del solito Redding (11º) ed Espargaró (12º).

Moto3 – Warm up ritardato di qualche minuto per le condizioni del tracciato, con olio in alcune parti della pista. Cade subito Baldassarri, autore della sua miglior qualifica ieri con il tredicesimo tempo, mentre non parte nemmeno Webb, che ha sostenuto una frattura del piede ieri.

L'asfalto umido (con pioggia prevista proprio per la partenza della classe cadetta alle 11) suggerisce ai piloti di non forzare, e la sessione è buona soprattutto per rodare le gomme "rain" in vista della gara.

Ad aggiudicarsi il miglior tempo è lo "specialista" Miller, autore di un 1'55.728. Con aderenza precaria, si sono messi in luce anche Oliveira (+ 0.104) e McPhee (+ 0.421), mentre la prima KTM in classifica è quella di Rins (quarto a + 0.601), che ha preceduto Masbou ed il poleman Viñales.

Gli italiani: Tonucci è stato il più veloce in quattordicesima posizione (+ 2.382), diciotto millesimi più rapido di Antonelli. Ferrari è 20º, Fenati 21º, Bagnaia 25º.

I tempi:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti