Tu sei qui

SBK Monza: Laverty piega Melandri

FP2: migliorano i tempi, Aprilia, BMW e Kawasaki in tre decimi

I piloti della Superbike hanno lavorato sulle ultime rifiniture in vista della Superpole (partenza alle ore 15) a Monza, con un ultima sessione di prove libere. Le temperature più alte e la pista completamente asciutta dopo il diluvio di ieri notte hanno contribuito all'abbassamento dei migliori riferimenti cronometrici, con Eugene Laverty che togliendo circa 1.2 secondi ha siglato il primato provvisorio di questo fine settimana con un 1'42.375.

I distacchi restano ridotti, con i primi quattro piloti destinati a giocarsi la pole position. Melandri ha confermato la buona forma mostrata fin qui in Brianza sulla BMW, chiudendo a + 0.162 dall'ex-compagno di squadra. Il ravennate al momento sembra leggermente sfavorito sul passo, con quattro giri sotto l'1'43 contro i sette di Laverty.

Seguono a ruota anche Sykes (+ 0.253) e Guintoli (+ 0.307), ed anche Camier (+ 0.340) potrebbe essere della partita anche se gli manca ancora la costanza di ritmo per puntare stabilmente alle posizioni di vertice nelle tre manche consecutive che determineranno la griglia.

Più attardato, Baz (+ 0.813) comanda un terzetto con Giugliano e Davies in rapida successione in lotta per l'ultima piazza disponibile in seconda fila.

Qualche problema di troppo per Rea dopo il secondo tempo nelle qualifiche. Il pilota della Honda è stato protagonista di un'innocua caduta alla prima chicane che ne ha rallentato il prosieguo del turno. È andata peggio al suo compagno di box per questo week-end, il collaudatore Honda Akiyoshi, che dopo uno spettacolare high-side alla curva 7 è stato trasportato al centro medico per controlli.

I tempi:

Articoli che potrebbero interessarti