Tu sei qui

SBK: Melandri ancora leader

Marco non si migliora ma rimane primo. Alle sue spalle Rea e Guintoli

Non c'è stata grande bagarre per la conquista della Superpole. Dopo la rinuncia di Carlos Checa, infatti, erano rimasti in 18 a contendersi i quindici posti della fase finale.

Marco Melandri è rimasto il leader della classifica, non riuscendo a migliorare, però, il tempo realizzato ieri - 1'43"523 oggi - , operazione che non è riuscita nemmeno a Jonathan Rea (1'43"686 oggi).

Sylvain Guintoli, invece, ha ritoccato di quattro decimi il suo crono di ieri ma non è riuscito a scavalcare il pilota della Honda. Solo 10/1000 il distacco tra i due.

Anche Tom Sykes non è riuscito a migliorarsi ma è riuscito a conservare la quarta posizione.

SBK qualifiche sabatoDopo numerosi tentativi, Eugene Laverty, invece, ha abbassato di quattro decimi il suo tempo di ieri, scavalcando in un solo colpo Davide Giugliano e Michel Fabrizio (entrambi rimasti con i crono della prima qualifica).

Ayrton Badovini con l'unica Ducati ufficiale è rimasto in dodicesima posizione, scavalcato da Chaz Davies che con la moto ricostruita dopo il botto di ieri si è migliorato di due decimi.

La lotta per le ultime posizioni utili per la Superpole ha visto coinvolti, tra gli altri, anche Fabrizio Lai - sostituto di Lundh sulla Kawasaki del team Pedercini - che ha centrato un buon 13° posto. Fuori, invece, Mark Aitchison (Ducati), Kosuke Akiyoshi (Honda) - sostituto di Haslam - e Vittorio Iannuzzo che hanno concluso nell'ordine.

Ultime modifiche prima delle 12,30 con l'ultima sessione di libere, preludio alla Superpole (ore 15).

Articoli che potrebbero interessarti