Tu sei qui

Ducati, Monza: allarme moto e pilota

Gobmeier: "Panigale da ammorbidire", infortunio alla spalla per Checa

Non è un anno facile, almeno sportivamente parlando, per Ducati. Alle difficoltà di sviluppo del progetto MotoGP si sono aggiunti evidenti problemi sul fronte SBK (storicamente terra di conquista della Casa di Borgo Panigale).

Dopo gli entusiasmi iniziali con la Superpole conquistata a Phillip Island, la 1199 Panigale ha sempre sofferto in gara. A poco sono serviti gli sforzi di Carlos Checa, mai a podio fin qui e dodicesimo nella classifica generale con 29 punti, né quelli di un team preparato come Alstare. A cercare di spiegare i problemi dell'ultima supersportiva emiliana, ci ha provato il direttore generale Berhnard Gobmeier.

"Abbiamo avuto risultati contrastanti – ha spiegato ieri a Jerez – A Phillip Island eravamo in pole position, mentre ad Aragon sapevamo di perdere decimi preziosi in rettilineo contro le quattro cilindri. Ad Assen però ci siamo accorti di soffrire anche in termini di maneggevolezza e agilità".

Nel processo alla ciclistica dell'ultima desmodromica, l'imputata principale è la rigidezza dei componenti.

"Abbiamo analizzato il problema ed sono già emerse alcune risposte – ha continuato il tedesco – La Panigale è una moto molto rigida, difficile da mettere a punto. Può essere estremamente performante, ma il margine di messa a punto ottimale è minimo, ed uno sbaglio negli assetti ti penalizza molto. Si tratta di imparare".

Ma le difficoltà non finiscono qui. A gettare benzina sul fuoco in occasione del round di Monza, circuito storicamente ostico per la bicilindrica a causa dei lunghi rettilinei, ci sono le condizioni fisiche di Carlos Checa. Una consultazione medica dopo Assen ha evidenziato un edema osseo alla testa dell’omero della spalla sinistra, un infortunio che probabilmente risale ad un trauma precedente che si è poi aggravato sotto sforzo.

"Durante gli ultimi due GP, specialmente in gara, la spalla sinistra mi ha sempre dato  fastidio, ma la sera, dopo gara 2 ad Assen, è decisamente peggiorata – ha dichiarato ChecaUna visita specialistica fatta subito dopo il mio rientro in Spagna ha evidenziato un edema osseo all’omero. Rimarrò in cura in Spagna fino a giovedì e spero che gli intensi trattamenti mi aiutino a recuperare e ad affrontare questo weekend senza grossi problemi".

Insomma, piove sul bagnato. Nella speranza che almeno il meteo sia clemente onde evitare le polemiche dello scorso anno.

Articoli che potrebbero interessarti