Tu sei qui

Test Jerez: per Yamaha prove di telaio

I TEMPI ALLE 16. Marquez al comando seguito da Crutchlow e Lorenzo. Rossi 5°

Come in gara così in prova. La Honda non si smentisce neanche nei test e piazza, questa volta, Marc Marquez davanti a tutti. Il debuttante di Cervera, quando mancano ancora due ore alla fine della giornata, continua a comandare alla classifica con il tempo di 1’38”824, un decimo abbondante meglio di quanto fatto in qualifica. Del resto la RCV è la moto che ha meno bisogno di sviluppi e semmai sono gli avversari ad essere costretti a recuperare.

Yamaha in primis, perché le orecchie a Iwata non sono state insensibili alle critiche di Lorenzo e Rossi. Proprio i due ufficiali stanno facendo comparazioni fra due ciclistiche diverse, non la 2012 contro la 2013, ma comunque fra due step diversi al telaio. La classifica alle 16 mette Lorenzo al 3° posto (1’38”958) e Valentino al 5°, primo a non essere sceso sotto il muro del 1’39”.

Meglio di loro ha fatto Crutchlow, 2° ad appena 92 millesimi da Marquez. Sembra che qualcosa si muova anche in Tech 3, per quanto riguarda del nuovo materiale. Cal sta infatti provando un telaio più recente di quello usato fino a ieri, che ha ‘passato’ al compagno di squadra. Smith ha già terminato la sua giornata di prove, staccando 1’40”009 come miglior crono, un tempo di circa tre decimi e mezzo più basso di quello delle sue qualifiche.

E’ sicuramente un passo avanti – ha detto Bradley la moto si comporta meglio sia in frenata che con gomme usate. Fare una comparazione con la gara non è facile, viste le condizioni difficili di ieri, ma questa ciclistica garantisce più stabilità e insieme più grip, sia al posteriore che all’anteriore. Sento la moto più stabile e abbiamo più opzioni nelle regolazioni, quindi il bilanciamento del peso è migliore. Mi sono concentrato soprattutto per migliorare il mio passo”.

Buone notizie sembrano arrivare anche dal box Ducati, con i due piloti sulla GP13 ‘evoluzione’ portata in gara ieri dal collaudatore Michele Pirro. Dovizioso è 7° (1’39”524) davanti ad Hayden (1’39”643). In pista anche le CRT, ma non le Art del team Aspar, impegnate nello sviluppo dell’elettronica Magneti Marelli.

I TEMPI ALLE 16

Articoli che potrebbero interessarti