Tu sei qui

Rossi: la spallata? Avrei voluto essere lì

Valentino commenta l'episodio tra Lorenzo e Marquez e avverte: "le Honda sono superiori"

Jerez: ultima curva, ultimo giro, una Honda e una Yamaha, la staccata e le spalle dei due piloti che si toccano. Non stiamo parlando del celebre duello tra Rossi e Gibernau nel 2005, ma della riedizione odierna. Protagonisti Marquez e Lorenzo con il secondo posto in palio. A chi chiedere quindi un commento se non a chi quel ‘sorpasso’ l’ha inventato? Valentino Rossi non si tira certo indietro anche se “ho visto l’episodio solo una volta, su un monitor, quando è successo ero troppo distante da loro per capire bene cosa è successo” specifica.

Ma quale idea ti sei fatto?

Che era l’ultima curva dell’ultimo giro e di queste cose ne sono successe a milioni delle gare di moto. E per fortuna. Jorge gli ha lasciato spazio in entrata e Marc ne ha subito approfittato, capisco che Lorenzo adesso sia arrabbiato. Le corse sono così, a volte chi è dietro ci prova dando il tutto per tutto e si finisce in questo modo”.

Un assaggio di Marquez in bagarre l’hai già avuto.

Lo conosciamo, è forte ed è capace di superare. Contro di lui in Qatar il più veloce ero io, ad Austin lui, questa è la differenza. Lui è bravo nel corpo a corpo. Sono solo un po’ arrabbiato perché oggi avrei voluto rimanere con lui dopo avermi superato. Mi sarebbe piaciuto arrivare a quell’ultima curva con Marc e Jorge, sarebbe stato ancora più divertente”.

Oggi Marquez ha esagerato nell’attacco?

“Non in questa occasione, mentre l’anno scorso qualche volta lo ha fatto. Mi ricordo la gara di Losail quando strinse Luthi o a Valencia quando fece cadere Corsi. In quegli episodi era oltre al limite, ma oggi non direi. Era l’ultima curva e si sono affrontati due grandi campioni, è una delle cose belle delle gare”.

Valentino Rossi e Sete GibernauMarquez ha detto che ha imparato vendendo i filmati del tuo sorpasso su Gibernau.

(ride) i“Non penso sia vero, lo avrebbe fatto ugualmente anche senza il mio precedente. Le gare sono così, ci sono giorni in cui sei più veloce e riesci a fare certi sorpassi”.

Ha aggiunto che non ci avrebbe provato se davanti ci fosse stato Pedrosa.

E’ stato un po’ politico, non penso sarebbe cambiato niente”.

La Direzione Gara dovrebbe prendere provvedimenti?

Secondo me no, è un normale contatto di gara e nessuno dei due è caduto. Capisco comunque che Lorenzo sia arrabbiato, è stato un sorpasso ‘cattivo’, anche se non avendolo visto bene non so se più o meno del mio su Sete”.

Passiamo alla tua gara, come giudichi il 4° posto?

Appena sufficiente, non di più. L’aspetto positivo è che ho portato a casa punti importanti per il campionato, ma c’è ancora molto da lavorare. Ho faticato più di quanto mi aspettassi”.

Quali sono stati i problemi?

Con il caldo la trazione è stato il maggiore. Avrei voluto usare la mescola dura al posteriore, ma non aveva abbastanza grip. Ci siamo concentrati sulla soffice ma abbiamo sofferto”.

Lorenzo-MarquezL’avvio era stato buono.

Sì, ho subito passato Crutchlow e poi anche Marquez e la moto, grazie a qualche modifica, andava meglio del warm up. Ma i primi tre erano più veloci di me e guadagnavano qualcosa in ogni giro. Quando Marc mi ha ripassato non sono riuscito a seguirlo”.

Il motivo è chiaro?

E’ lo stesso del Qatar, un bilanciamento non perfetto. Se ho confidenza all’anteriore nella seconda parte di gara soffro nella prima. Anche oggi, a un certo punto, giravo coi tempi dei primi, ma ormai erano lontani e non avevo comunque il passo per riprenderli”.

Sei preoccupato?

Qui mi aspettavo che saremmo arrivati davanti alle Honda, mentre neanche Lorenzo, che è stato autore di un weekend perfetto fino a ieri, ce l’ha fatta. E’ questo l’aspetto preoccupante”.

Dove fanno la differenza?

Nell’uso di queste gomme, riescono a tenere un ritmo migliore. Sul giro secco Jorge è stato migliore sia in prova che in gara, ma sulla distanza le Honda stressano meno il posteriore. Possono rialzare prima la moto in accelerazione e quindi mettere meno in crisi la spalla dello pneumatico. Noi invece incominciamo a scivolare già dopo qualche giro. Sicuramente il loro cambio li aiuta, ma non è solo quello”.

Qual è il programma per i test di domani?

Proverò il nuovo telaio e cercheremo di risolvere i problemi di assetto”.

ASCOLTA L'AUDIO

{pb_mediaelmedia=[audio] audio_mp3=[images/ARCHIVIO/2013/audio/03_JEREZ/rossidomenica.mp3]}

English {pb_mediaelmedia=[audio] audio_mp3=[images/ARCHIVIO/2013/audio/03_JEREZ/rossisundayeng.mp3]}

Audio: 

Articoli che potrebbero interessarti