Tu sei qui

MotoGP: Marquez guastafeste nel WUP

Lo spagnolo beffa Lorenzo e Pedrosa sul finale. Rossi solo 8º, dietro alla CRT di Espargaró

Dopo aver constatato ieri la superiorità, soprattutto in termini di passo, di Lorenzo e Pedrosa, Marc Marquez si è ripreso aggiudicandosi il miglior tempo nel WUP della MotoGP e rafforzando la sua candidatura a quella che sembra destinata ad essere una lotta a tre per la vittoria. Questo perché Crutchlow, sempre veloce, rimane in dubbio sulla lunga distanza a causa dei traumi riportati ieri con due cadute, mentre Rossi (che partirà quinto) non si è ancora svegliato nel mattino ed ha chiuso in ottava posizione (+ 1.151), dietro anche alla CRT di Espargaró.

LA CRONACA – Lorenzo ha fatto la lepre scendendo immediatamente sotto l'1'40, ma Pedrosa e Marquez lo hanno marcato stretto per tutto il turno, con il rookie di Honda capace di soffiargli il miglior tempo sotto la bandiera a scacchi con un 1'39.231 trovando la quadratura nel T4 (il settore dove soffriva di più).

Lorenzo e Pedrosa sono rispettivamente a + 0.238 e + 0.378, ma hanno fatto registrare i propri migliori tempi a metà sessione. Il passo di riferimento nel mattino, 1'39.5, lo ha però tenuto più agevolmente il maiorchino.

Ad un decimo dai due spagnoli, Cal Crutchlow chiude il quartetto che sembra per ora destinato a fare gara a parte. Il britannico non è comunque al 100% dopo le due cadute rimediate ieri durante la FP4 e QP, dove ha riportato un forte trauma nella zona lombare.

Hayden guida la pattuglia Ducati dalla quinta posizione (+ 0.894), mentre sono rimasti attardati Dovizioso (11º a + 1.198) e Iannone (14º a + 1.459), che ha accusato notevoli difficoltà nei cambi di direzione dopo la brutta caduta di ieri dove ha riportato una vistosa ferita al ginocchio sinistro.

Warm-up a dir poco anonimo per Valentino Rossi, ottavo ad oltre un secondo dal miglior tempo e dietro anche alla CRT di un ottimo Espargaró (6º a + 0.950). Il "Dottore" ha effettuato qualche giro per controllare lo stato di salute della moto con la quale è caduto ieri, per poi rodare la M1 con cui correrà la gara pomeridiana. In termini di passo, Rossi ha girato mediamente un secondo più lento del trio di testa.

I tempi:

Articoli che potrebbero interessarti