Tu sei qui

MotoGP, FP2: Crutchlow sfida Lorenzo

Jerez: il britannico ha il passo migliore. Rossi quarto (+ 0.312) dietro a Pedrosa

Dopo essere state posticipate di qualche minuto per problemi elettrici in zona, le seconde prove libere della MotoGP a Jerez hanno avuto come protagonista le Yamaha, con tre moto nelle prime quattro posizioni. Jorge Lorenzo si è aggiudicato il miglior tempo con un 1'39.562. Il maiorchino ha stampato il proprio miglior riferimento già al quarto passaggio su 18 giri percorsi, con grande facilità (e la sensazione che si sia tenuto qualcosa nel polso) ed un passo estremamente competitivo su 1'40 basso.

Al secondo posto c'è Cal Crutchlow, costantemente il più veloce tra i piloti "satellite", che ha accusato un ritardo di 0.171 ma ha mostrato un ritmo addirittura superiore a quello dell'illustre compagno di marca, con cinque giri sotto il muro dell'1'40. Non solo, il britannico si è preso la soddisfazione di precedere piloti del calibro di Dani Pedrosa (+ 0.195) e Valentino Rossi (+ 0.312).

Il "Dottore", a lungo in pista con la gomma dura al posteriore e con distacchi intorno al secondo, è risalito fino alla quarta posizione (+ 0.312) dopo aver montato la morbida, con distacchi sostanzialmente invariati rispetto al mattino, sia sul giro secco che sul ritmo di gara.   A 15 millesimi da lui c'è l'apprendista prodigio Marc Marquez, ancora lontano dalla migliore messa a punto con una moto vistosamente imbizzarrita addirittura sul rettilineo finale.

Continua il calvario Ducati. Il più veloce sulla D16 è stato Andrea Iannone, settimo a + 1.012. Le CRT di Barberà ed Espargaró, rispettivamente ottavo e nono, hanno invece preceduto Hayden (+ 1.275), Dovizioso (+ 1.322) e Pirro (+ 1.340), davvero non una buona pubblicità per il progetto GP13 che sta muovendo ufficialmente i suoi primi passi qui.

I tempi:

Articoli che potrebbero interessarti