Tu sei qui

La MotoGP si ferma a 10 bar

Approvata una norma che stabilisce l'uso di un regolatore di pressione della benzina

La Gran Prix Commissione ha approvato all'unanimità, il 18 settembre scorso ad Alcaniz, la seguente norma regolamentare:

Nella classe MotoGP il valore massimo consentito di pressione della benzina è di 10 Bar, ad un flusso di ricircolo di 50 litri / ora.

1) E' obbligatorio l'uso di un regolatore di pressione del carburante, ufficialmente approvato, come specificato dal Direttore Tecnico. Questo regolatore ufficiale deve essere montato a valle della pompa di carburante, tale che la pressione massima disponibile agli iniettori non sia mai superiore a 10 bar.

Il costruttore ufficiale del regolare può fornire regolatori settati a pressione più in basse e/o di superiore portata, come richiesto dalle squadre della MotoGP, a condizione che i regolatori non siano in grado di trasportare più di 10 bar a 50 litri / ora.

2) regolatori supplementari possono essere utilizzati in combinazione con il regolatore ufficiale per ridurre ulteriormente e controllare la pressione del carburante, ma nessun dispositivo o nessuna strategia può essere in grado di aumentare la pressione degli iniettori di carburante a oltre 10 bar o possono essere utilizzati in qualsiasi parte del sistema.

3) I regolatori  di pressione del carburante approvato saranno sigillato, marcati e certificati dal produttore del regolatore, e potranno essere ispezionati e/o  rimosso per test in qualsiasi momento dal Direttore Tecnico.

4) Le squadre devono fornire lo schema di massima del loro sistema di alimentazione compresa la posizione del regolatore di pressione del carburante quando richiesto dal Direttore Tecnico

5) Nella misurazione della pressione del carburante e del flusso emesso da parte del regolatore, la tolleranza come specificato dal produttore del regolatore approvato ufficialmente sarà presa in considerazione.

La GP Commissione ha altresì deciso che per i GP del Portogallo del 20 ottobre e Valencia del 5 novembre si proverà anche il venerdì mattina: la 125 e la Moto2 saranno in pista per 40', la MotoGP per 45'.

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti