Tu sei qui

Marquez a terra, Espargaro vince

Con la caduta del catalano, il mondiale 125 si riapre con Terol in testa

La prima gara della 125 ad Aragon, nella storia del motociclismo, è stata vinta da uno spagnolo, com’è giusto che fosse, tanto più che in questa categoria, quest’anno, non si presenterebbero comunque molte altre alternative...

Il Mondiale 125 si apre nuovamente con una scivolata del leader Marc Marquez alla prima curva del primo giro, abbattuto da Randy Krummenacher che ha tagliato in diagonale la traiettoria, colpendo lo spagnolo e buttandolo a terra. Nulla da fare per Marquez, migliore questa mattina anche nel warm up, che è stato costretto ad un disperato ritiro mentre Krummenacher proseguiva  la sua gara, salvo poi essere squalificato dalla Direzione Gara che ha esposto per lui la bandiera nera.

Questo colpo di scena ha reso comunque il mondiale 125 più frizzante e meno scontato, consegnando a Pol Espargarò il primo gradino del podio: una gara impeccabile e meritata anche se dominata fino all’ultimo giro da Nico Terol, sconfitto con un duello ardito all’ultimo giro fatto di incredibili sorpassi, anche in esterno. Il “piccolo” Espargarò, fratello minore di Aleix (che corre in MotoGP in Ducati Pramac), si è portato quindi in seconda posizione nella classifica del mondo con 202 punti.

Secondo Nico Terol, beffato all’ultimo giro. Terol ha aggiunto 20 punti al montepremi e ha raggiunto la testa della classifica del mondiale che ora vede l’ex leader, Marc Marquez (a secco di punti) slittare in terza posizione.

Ottimo il terzo posto dell’inglese Bradley Smith che rimane quindi quarto nel mondiale, con 16 punti in più (144).

Male gli italiani: 18 Ravaioli e 21 Pardo.

Simone Grotzkyj Giorgi si è ritirato quando era in tredicesima posizione.


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti