Tu sei qui

Stoner fa 2 ad Aragon

AUDIO - Casey bissa il Qatar con una Ducati con i pesi ri bilanciati

Quella di Casey Stoner sarà una pole position storica (1.48.942), dal momento che è la prima assoluta sul nuovo circuito di Aragòn, per la MotoGP.

La seconda pole della stagione che l’australiano conquista, dopo quella dell’esordio al Mondiale 2010, in Qatar, vanificata da una scivolata in gara che fu preludio di una serie. Aveva lavorato sodo, Stoner, nei test invernali; aveva messo a punto quella nuova forcella che poi, incolpevole, gli ha tolto il feeling di sempre, e il biondo dal sorriso luccicante aveva deciso di ritornare alla forcella vecchia. Squadra che vince non si cambia e se si cambia si riprende, ma intanto il tempo passa e vincere diventa sempre più dura.

Una stagione partita in salita, quindi, con cinque podi ma mai un primo posto. Oggi, insieme ad un nuovo assetto, per Casey è arrivata un’altra pole: si è lavorato sulla distribuzione dei pesi e sulla maneggevolezza ma senza perdere il grip sul posteriore: le derapate che si sono viste erano perfettamente controllate, “come ai vecchi tempi”, verrebbe da dire.

"Abbiamo provato un po’ di materiale nuovo negli ultimi week end per rendere la moto competitiva, ma senza grandi successi; però sembrerebbe che qui invece abbiamo trovato qualcosa. Abbiamo cambiato i pesi e abbiamo ottenuto così maggior grip e confidenza, dobbiamo essere felici di aver ritrovato la pole dopo il Qatar. E poi mi piace girare nei circuito nuovi, è sempre stimolante non aver fatto milioni di giri intorno allo stesso posto.

Vedremo come andrà la gara di domani, non dico nulla perché quest’anno ci siamo dovuti disilludere già un po’ di volte. Non vedo l’ora che inizi la gara".

Anche Nicky Hayden (partirà quarto 1.49.506) ha fatto molto bene questo fine settimana. Anzi, a questo punto sarebbe il caso di sottolineare che Kentucky Kid ha fatto bene tutto l’anno, senza raccogliere granché, per una serie di sfortunati eventi che hanno penalizzato la concretezza dei risultati, tra cui la perdita dello slider sul circuito di casa, ad Indy, che gli ha impedito di appoggiare il ginocchio per tutta la gara, o la scivolata a Misano quando era carico come un colpo in canna. La quarta posizione in griglia, domani, è la “peggiore” di un week end molto positivo, aiutato forse anche da una nuova carena, più larga, che evidentemente aiuta molto l’aerodinamica su questo veloce tracciato.

"Tutto sommato è stato un giorno positivo – ha commentato Hayden- mi sono divertito nelle due sessioni asciutte nelle quali abbiamo migliorato la moto costantemente. Mi sarebbe piaciuto partire dalla prima fila ma i ragazzi del team hanno fatto un ottimo lavoro e sono molto soddisfatto. Il fatto che io e Casey siamo nei top 4 significa che la moto è veramente veloce. Con il simulatore Ducati il mio miglior giro è stato 1.49.01 e il tempo della pole è 1.48.9, impressionante. Qualcuno a Bologna sta facendo davvero bene i suoi compiti!".

{mp3}14gp_aragon/stonersabaragon{/mp3}

Articoli che potrebbero interessarti