Tu sei qui

Rossi & Ducati: pochi i giorni di test

Se la Yamaha non libererà Valentino per Valencia, il pesarese non proverà molto

Sembra proprio che alla fine Valentino Rossi non avrà poi molti altri test da effettuare, se alla fine la Yamaha deciderà di fargli saltare l’importante appuntamento con la Ducati, a Valencia, all’inizio di novembre.

La decisione finale sarà presa, probabilmente, dalla MSMA ad Argon, questo fine settimana, ma le case sono già concordi di rinunciare, come già fatto nel 2010, ad una sessione di test a Phillip island, successiva a quella di Sepang ed a quella invernale di Jerez.

Il motivo, per entrambe, più che economico è meteorologico.

Sia in Australia che in Spagna, infatti, nel periodo scelto la temperatura è troppo diversa da quella del periodo della gara, rendendo di fatto le prove inutili.

La motivazione, comunque, appare speciosa: se è vero infatti che Jerez a novembre non c’è una temperatura primaverile, è altrettanto vero che si potrebbero provare altre cose. E questo vale anche per PI, dove ovviamente in febbraio non i sono le medesime condizioni climatiche del gara che si corre in ottobre.

Da ciò che si deduce da queste prime decisioni si deduce che, probabilmente, la due giorni di test a Sepang all’inizio di febbraio e la successiva sessione alla fine, vedrà i piloti in pista un giorno in più. Una cosa logica vista la spesa da affrontare per arrivare fino in Malesia a provare.

Rimarrà anche il test in Qatar, ma verrà effettuato la domenica ed il lunedì precedente la gara. Dunque non un test di sviluppo, semmai di conferma, visto anche che il GP inaugurale della stagione verrà corso probabilmente il 20 marzo, in anticipo rispetto al 2010.

Articoli che potrebbero interessarti