Tu sei qui

SBK: La solitudine dei numeri due...

La Yamaha ha già "chiuso" il suo mercato ma sono in molti alla ricerca di un posto

La griglia di partenza della Superbike in questa stagione è stata composta da almeno 22 piloti, quattordici dei quali legati direttamente alle Case. L'annuncio del ritiro della squadra Ducati "ufficiale" - anticipato in esclusiva da GPone.com - ha messo in moto in modo vertiginoso il mercato piloti in vista della stagione 2011.

C'erano alcuni piloti-chiave che potevano avere un effetto domino e si è visto come la loro sistemazione poteva essere determinante. Senza contare all'importanza di alcuni nuovi arrivi e la scomparsa di due posti disponibili (appunto quelli del team Ducati Xerox).

La gara del Nurburgring doveva essere determinante per molte situazioni ma sono state poche quelle che si sono concretizzate.

Vediamo, a due settimane dalla gara di Imola - altro appuntamento chiave - qual è lo stato dell'arte.

TUTTO FATTO - L'unica squadra che ha completato la propria squadra è la Yamaha-Sterilgarda che ha rivoluzionato per il terzo anno la propria formazione, sostituendo Cal Crutchlow (che andrà in MotoGP) e James Toseland con Marco Melandri - come anticipato in esclusiva da GPone.com... - ed Eugene Laverty, protagonista della Supersport.

BMW e Honda hanno confermato un pilota ciascuno - rispettivamente Troy Corser e Jonathan Rea - mentre la Kawasaki credeva di aver completato la propria formazione. Purtroppo per la Casa giapponese, che dal prossimo anno intensificherà la propria presenza nel mondiale, ambedue i piloti prescelti sono stati vittime di incidenti che hanno messo grossi interrogativi sul loro pronto recupero. Chris Vermeulen, si è sottoposto ad un intervento dopo la caduta di Phillip Island e dopo aver tentato il rientro, sta facendo riabilitazione per tornare in forma. Joan Lascorz, caduto a Silverstone, è alle prese con una serie di terapie - che riguardano anche la ricostruzione della pelle della gamba ustionata dalla benzina - che potrebbero protrarsi per molti mesi.

Questo ha portato la Kawasaki a riprendere i colloqui con alcuni jolly, oltre a puntare ancora su Tom Sykes - sorprendente al Nurburgring - che potrebbe essere su una terza ZX10-R 2011 o venir dirottato (sempre con una moto ufficiale) in un team satellite (Pedercini?).

Tornando a BMW e Honda, non dovrebbero confermare rispettivamente Ruben Xaus e Max Neukirchner. Per lo spagnolo non sembrano aprirsi molte strade mentre per il tedesco - oltre alla possibilità MotoGP di cui avete letto su GPone.com - sembra essersi aperta un'ipotesi in BMW. Il team Ten Kate, emanazione diretta della Honda Europe, è in attesa di completare il budget ma James Toseland sembra essere in pole position per affiancare Rea.

ATTESA PER HASLAM - In BMW, sembra che la "prima scelta" sia Leon Haslam, che è in attesa di conoscere il futuro del team Alstare. Ma l'ex leader del campionato SBK è nel taccuino di altre squadre a cominciare, ovviamente, da quella di proprietà di Francesco Batta, in queste ore in Giappone per discutere il futuro di uno dei team storici del campionato.

Se la squadra - come tutti auspicano - rimarrà, andrà definito il secondo pilota: in lizza c'è Sylvain Guintoli - che molti vorrebbero confermato - ma si parla anche di Michel Fabrizio e Nori Haga (nonostante le smentite).

Ultima - non certo per importanza visto che sta per vincere il titolo mondiale 2010 - è l'Aprilia che dovrebbe confermare Max Biaggi e Leon Camier ma non ha ancora comunicato ufficialmente i rinnovi dei contratti.

LA "PANCHINA" - Quest'anno sono numerosi i piloti in attesa di trovare una sistemazione a cominciare dai due della Ducati Xerox: se consideriamo che si tratta di piloti che hanno vinto gare quest'anno - e il giapponese è arrivato secondo nel 2009 - è evidente la serietà della situazione...

Ed a proposito di piloti vittoriosi, ancora incerto Carlos Checa che potrebbe rinnovare con Althea Racing ma sembra interessare anche la BMW.  Tra coloro che sono in attesa di sistemazione ci sono il già citato Xaus, Shane Byrne, oltre a James Toseland.

La prossima settimana dovrebbero definirsi le situazioni di BMW e Suzuki, poi Imola sarà il teatro degli ultimi accordi.

Da quel momento sarà già 2011...

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti