Tu sei qui

Tomizawa affronta l'ultimo viaggio

Già eseguita l'autopsia. Nobby Ueda con i familiari. Redding in forse per Aragon

Già in giornata Shoya Tomizawa potrebbe aver intrapreso l'ultimo viaggio che lo riporterà a casa, in Giappone. Come disposto dal magistrato è stata eseguita l'autopsia dal dottor Piero Balli, perito della Procura di Rimini. I tempi sono stati rapidi perché sia la famiglia del pilota che i due piloti coinvolti nell'incidente, De Angelis e Redding, hanno rinunciato alla nomina di un perito di parte.

Le prime indicazioni riferiscono che il decesso è stata conseguenza dello schiacciamento della cassa toracica, che ha compresso cuore e polmoni.

Con la famiglia di Shoya rientrerà in Giappone Noboru Ueda, manager dello sfortunato pilota.

Se le indagini proseguiranno con questa rapidità sia Alex che Scott potrebbero essere scagionati fra breve. Intanto Redding ha detto di essere ancora sotto shock e che proverà a guidare la prossima settimana a Valencia, prima di decidere se correre ad Aragon.

"Non ho visto l'incidente in TV e non voglio rivederlo. Di Shoya voglio ricordare il sorriso", ha detto il pilota britannico.

Articoli che potrebbero interessarti