Tu sei qui

Mission impossible per Batta

Viaggio in Giappone per il proprietario del team Alstare per discutere del 2011

Sarà una settimana importante per il team Suzuki Alstare questa appena iniziata. Infatti Francesco Batta, il manager belga da anni uomo legata alla Casa giapponese, volerà in Asia per discutere con i dirigenti della Suzuki del futuro del suo team.

Le proposte che sembrano essere nel computer di Batta che ha chiesto a Leon Haslam ancora qualche giorno prima di fare qualsiasi passo, potrebbero essere almeno tre, prima tra tutte quella della conferma (magari allargata, visto l'impegno Kawasaki) dell'appoggio.

Sembra che l'inglese abbia realmente nel contratto la disponibilità di una moto ufficiale e se i giapponesi continuano ad essere latitanti potrebbero esserci i presupposti per sciogliere l'accordo.

Guintoli - anche per una comunione di lingua - sembra essere gradito al team per una conferma ma - e qui arriva la proposta numero due - potrebbe essere "sacrificato" (visto che Sylvain non era nelle priorità della Suzuki) ed essere sostituito da Nori Haga, pilota giapponese e, sicuramente, ancora di richiamo, almeno per alcuni...

L'ultima possibilità alla quale Batta potrebbe far ricorso è richiedere la disponibilità delle moto 2010 - che la Suzuki vorrebbe avere indietro - per poter proseguire la partecipazione al mondiale ma con una gestione completa del team Alstare.

Entro la fine della settimana, quindi, un altro tassello del mondiale Superbike 2011 potrebbe andare a posto.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti