Tu sei qui

Hayden e Dovizioso: avanti i secondi

Andrea: "attenti però a Dani". Lorenzo: "bravo Spies, ma noi siamo a posto"

Da pochi minuti, sul tracciato di dirt track, la Ducati ha confermato Nicky Hayden quale compagno di Valentino Rossi nella prossima stagione. Non è affatto una sorpresa, ma contribuisce a definire, per l'americano, una giornata da ricordare.

E' in terza posizione in griglia di partenza, e davanti al pubblico di casa: e non è un modo di dire visto che Owensboro, suo paese natale, per quanto in un altro stato (Kentucky) è abbastanza vicino ad Indianapolis. Almeno, per gli standard del calcolo distanze di quell'enorme paese che è gli Stati Uniti d'America.

Con Spies in pole (e quindi due yankee in prima fila) Nicky ha regalato agli appassionati di quaggiù una griglia come non è capitato spesso di vedere, negli ultimi tempi. Quindi, terza nota assolutamente positiva, per lui, si è imposto nei confronti del compagno di squadra: Stoner è sempre Stoner, Stoner + Ducati sono sempre Stoner + Ducati. Pertanto, altro motivo per fregarsi le mani.

Se le frega un po' meno Lorenzo, che ha sì il titolo in vista, va vede anche profilarsi un 2011 nel quale dovrà guardarsi le spalle: ha ragione, Valentino quando (probabilmente con soddisfazione) prevede che Lorenzo avrà, in Ben Spies, quello che lui stesso (Valentino) ha avuto in Lorenzo. Corsi e ricorsi.

“Finalmente la mia prima prima fila con Ducati!” ha esclamato Hayden. “Mi ci è voluto un anno e mezzo... E' importante: se domani voglio lottare per le prime posizioni, dovevo essere davanti fin da oggi. Ed ho detto a Martinez, il mio capotecnico: se siamo in grado di ottenere una prima fila, questo è il momento...”.

Lorenzo si è lamentato del caldo. “Molto caldo, tracciato scivoloso e pieno di buche. Il secondo posto mi va bene. Spies ha fatto una gran cosa. Partire bene, domani, sarà indispensabile. sarà dura per tutti. Il passo è buono, il setting anche, non ci sono problemi per la scelta delle gomme”.

Se Hayden l'ha avuta vinta su Stoner, Andrea Dovizioso si è imposto su Dani Pedrosa nel match tutto interno alla Hrc. “Sono contento della seconda fila” ha affermato il forlivese, che scatterà dalla quarta posizione, on Dani in quinta. “Il passo è buono; partire bene sarà fondamentale”. Andrea ha però messo in guardia tutti dal sottovalutare Pedrosa: “E' Dani ad aver il miglior passo-gara. Io ed i miei abbiamo fatto un gran passo avanti per quello che riguarda la gestione elettronica, e soprattutto il traction-control. La capacità di sfruttare quel poco di grip che il tracciato concede sarà determinante per il GP di domani”.

 

Articoli che potrebbero interessarti