Tu sei qui

Lorenzo: Rossi in Ducati? uno stimolo

"La Yamaha nel 2011 non vorrà farsi battere. Io e Spies senza muro"

A +77 punti, Lorenzo non respira l'aria sottile dell'alta quota. Non gli gira la testa, non ha le vertigini; tiene, al contrario, i piedi saldamente ancorati al terreno nonostante abbia vinto la settima gara della stagione e stia puntando, oltre al titolo, al record di successi di Mick Doohan con otto Gran Premi ancora da disputare: dodici centri in una stagione.

Chi può batterlo, oggi?

“Tutti quelli che ci sono già riusciti finora – spiega con tranquillità – dunque Pedrosa, Valentino, ma anche Stoner e Spies. Ai record non voglio pensare perchè ti scaldano la testa e possono spingerti a commettere errori”.

In passato ne faceva di errori; Jorge ora appare invece quasi a prova di proiettile.

“Sono migliorato, parto meglio e questo è stato un grosso passo in avanti perché mi permette di essere meno nervoso nei primi giri. Qui a Brno, per esempio, mi aspettavo un attacco da Pedrosa, perché non stavamo andando forte, ma poi ho capito che non sarebbe arrivato. Sono un po' più veloce, ora, rispetto al passato e capace di seguire tattiche di gara più proficue”.

Imparate da Rossi?

“Anche da Rossi, ma da quando avevo dieci anni guardo tutti i Gran Premi, anche quelli della 125 e 250. Qualcosa ho appreso da tutti. Si impara sempre”.

Tanto bene da aver spinto Valentino Rossi fuori dalla Yamaha. Oppure è stato lui a scappare trovandosi per la prima volta di fronte ad un pilota apparentemente inattaccabile?

“Questa è una risposta che non posso darvi, dovete chiedere a lui”, risponde non lasciando alcuna breccia alla polemica.

Certo che il passaggio di Valentino alla Ducati – prosegue lo spagnolo – sarà una motivazione forte anche per la Yamaha. Non vorranno farsi battere, lavoreranno forte. Personalmente sono curioso di vederlo”.

E tutti sono curiosi di scoprire la nuova coppia: Lorenzo-Spies.

“Andremo d'accordo. Come lo so? Lo so. E poi non ci sarà più il muro ed i dati della telemetria saranno comuni”.


Articoli che potrebbero interessarti