Tu sei qui

Warm-up Moto2: gli italiani arretrano

Simon con distacco su Talmacsi. I nostri, scivolano indietro

Nella più italiana delle categorie (sette piloti in pista, e non di rado sul podio - compreso il gradino più alto) dopo la bella prova in qualifica, nel warm-up di questa mattina gli azzurri non si sono mostrati in gran spolvero, lasciando a Iannone(sesto) e De Rosa (decimo) l'incarico di difendere i colori nazionali. L'impressione è, però, che nessuno abbia forzato particolarmente, tanto che, su un circuito lungo e che richiede motore, la differenza tra 125 e Moto2 è risultata di appena un secondo.

Simon ha messo a segno il miglior tempo accreditandosi di un bel vantaggio su chiunque altro: il secondo, Gabor Talmacsi, è ad oltre sette decimi, e Tomizawa, vincitore della gara di inizio stagione, a quasi un secondo.

Per quanto riguarda noi, dopo Iannone e De Rosa il primo cognome italiano è quello di Corsi, diciannovesimo. Tutti gli altri più oltre.

Per quello che riguarda i telai, rappresentanza eterogenea nelle prime posizioni, on Suter, Ftr (ossia, Speedup) Moriwaki, degnamente rappresentati.

Per la cronaca non ha girato Karel Abraham che nell'ultima caduta nel corso delle prove ha battuto la testa. Per lui gara a forte rischio.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti