Tu sei qui

Mercato hot: Gresini cerca Iannone

Si iniziano a muovere le acque anche per i team satellite

C'è un bel movimento, nel mercato MotoGP. Non parliamo dei soliti noti, ma di quei piloti di cui, solitamente, si parla poco. Per esempio Randy De Puniet a cui la Suzuki ha offerto tanto denaro quando il francese non ne ha mai visto in carriera: un milione e mezzo di Euro. De Puniet, ovviamente, è fortemente tentato, visto che l'alternativa è rimanere con Lucio Cecchinello... ma rimetterci ben più di mezzo milione di Euro!

In attesa di sapere come andrà a finire, Fausto Gresini, dal canto suo, si è messo a caccia di un sostituto per Marco Melandri, destinato ad emigrare in Superbike, probabilmente in BMW.

L'anno passato, proprio qui a Brno,Gresini  parlava con Cal Crutchlow, che gli si era offerto prima di rendersi conto che aveva un contratto già firmato con la Yamaha.

Cal Crutchlow, salvo ripensamenti dell'ultima ora, andrà nel team Monster-Yamaha, al posto di Spies ed il team potrebbe essere completato da Toni Elias, così l'ex iridato della 125 ha messo gli occhi su Andrea Iannone a cui il salto dalla 125 alla Moto2 ha fatto bene. Non è detto però che questo posto si liberi: c'è infatti la mina vagante Andrea Dovizioso che vorrebbe rimanere in HRC, ma non può, visto che è arrivato Casey Stoner. Attualmente Dovi sta puntando i piedi, ma il team Gresini è la destinazione migliore e la più logica, con il problema però di un rapporto tutt'altro che idilliaco – e da lungo tempo – con il clan Simoncelli.

Scontato (o quasi: si è offerto come abbiamo scritto ieri anche lui al team LCR) il matrimonio fra Capirossi e Ducati-Pramac, con la rossa il prossimo anno correrà anche Karel Abraham, portando così i piloti della MotoGP a diciotto. Troppa grazia, Sant'Antonio!

Ma almeno fossero tutti buoni... De Angelis, per esempio, è nuovamente sul piede di partenza, perlomeno nel breve periodo. Per quest'anno potrebbe recuperarlo il team di Sito Pons, in Moto2.

Articoli che potrebbero interessarti