Tu sei qui

Rossi: "Domenica saprete"

AUDIO L'annuncio del passaggio in Ducati dopo la gara di Brno

La notizia arriverà domenica. "Saprete del mio futuro dopo la gara". Valentino ha finalmente detto qualcosa del suo passaggio alla Ducati, anche se ancora il nome del costruttore italiano non è stato detto da lui. Possiamo stare tranquilli, dunque, per ferragosto avremo la nostra festa.

Nella conferenza stampa pre evento a Brno il primo a parlare è stato Lorenzo che ha riferito della sua vacanza in Colombia con gli amici, poi Dovizioso che non gradisce molto Brno, ma reputa questa pista molto importante per la messa a punto (qui la Honda lunedì proverà nuove sospensioni dalla Ohlins). Poi è stata la volta di Stoner che ha riconosciuto il gran lavoro della Ducati per rendere competitiva la Desmosedici. L'australiano proverà anche le evoluzioni per la fine della stagione e sicuramente anche qualcosa per il 2011. Ultimo a parlare De Puniet. Il francese scenderà di nuovo in pista da domani nelle prove libere del Gp della Rep. Ceca, dopo solo 22 giorni dal un frattura molto simile a quella di Rossi. Alla domanda di un giornalista inglese sulla visita di via libera effettuata dal medico del circuito, il francese ha risposto: "mi ha toccato la gamba chiedendomi se mi facesse male, mi ha chiesto se avevo dolore nel camminare e mi ha dato l'ok. La visita è durata 10 minuti".

Non sarà un po' sbrigativa questa procedura, ci chiediamo? Speriamo bene.

Veniamo a Rossi. Per la prima volta nella stagione, Valentino ha parlato del suo futuro, o almeno ha anticipato che qualcuno ne parlerà. Il balletto dei comunicato dovrebbe partire, secondo Vale, domenica sera dopo la gara. Presumibilmente la Yamaha darà l'addio a Rossi e pochi minuti dopo la Ducati darà al nove volte campione del mondo il benvenuto.

In vista della gara di Brno, Valentino, non si è risparmiato anche un ampio check up delle sue fratture.

"Ho fatto i raggi alla gamba e una verifica alla spalla. Si inizia a vedere il callo nella tibia che è drittissima e soprattutto non ho fatto nessun danno alle viti correndo al Sachsenring e a Laguna. Il perone è abbastanza brutto da vedere, ma i medici dicono che va bene, ma a causa della frattura bifocale di quell'osso (è rotto in due parti diverse, n.d.r.), la parte tra le due fratture sembra quasi staccata. Anche con la spalla comincia ad andare meglio. Mi fa ancora male, ma ho forza, quindi posso andare anche in palestra di più posso nuotare in piscina. Il dott. Porcellini ha detto che sono più o meno al 60% però la spalla migliora piano ma va avanti. Questa è una cosa molto importante per non operarsi alla fine dell'anno. Così posso tornare al 100% alla fine della stagione".

Così potresti essere pronto per provare a Valencia.

"Bisognerà vedere cosa faccio l'anno prossimo e spero che potrò provare la moto con cui correrò. Sarebbe importante il test di Valencia perchè ci sono poche occasioni per provare".

Se tu fossi nei dirigenti Yamaha, ti faresti provare?

"Beh io se fossi nella Yamaha mi farei provare assolutamente".

Domenica dopo la gara dirai dove correrai?

"Penso che non lo dirò io dopo la gara. Lo diranno "loro" (la Ducati ? nd.r.) un pochino più tardi".

Come ti senti in questa ultima parte di campionato?

"Penso di essere piuttosto in forma di testa anche perchè questa credo che sia finalmente una gara dove sono non al 100%, forse non sono pronto per vincere, però mi sento piuttosto in forma. La spalla e la gamba vanno meglio, e ho capito che ci vuole ancora tempo, ma che siamo sulla strada giusta e questa è una cosa importante. Bisogna armarsi di calma e essere intelligenti e tranquilli e pensare che le gare servono per migliorare step by step e ritornare magari competitivo per l'ultima parte della stagione".

Ma la Yamaha non potrebbe tenerti "al laccio" fino alla fine della stagione con la storia del test di Valencia?

"Bisognerà vedere cosa succederà domenica. Io credo che c'è molto tempo ancora prima di novembre, c'è tempo. Stoner ad esempio la Ducati la fa provare, quindi non vedo problemi".

Il test fatto qui a Brno con la Superbike può dare dei vantaggi?

"Sicuramente ho questo circuito più fresco nella mia mente rispetto ai piloti che non girano qui da un anno. Ma è un vantaggio che può essere utile per i primi 20 minuti che faremo qui, poi anche gli altri saranno allo stesso livello. Su questo circuito tutti i piloti che hanno corso la Motogp ci hanno corso almeno 10 volte, quindi non è una pista nuova. Però sono molto contento di essere qua, perchè penso che sia una pista anche per le mie condizioni fisiche che mi può aiutare, è molto meno difficile di Laguna. Nelle settimane passate ho sofferto le due gare una dietro l'altra e adesso invece ho avuto un po' di tempo per riposarmi e mi sento abbastanza in forma".

Tornando a Stoner, lui proverà anche le novità per il 2011, tu farai il test?

"Io non credo di non fare il test. Lunedì sarò in pista per provare e spero che ci siano delle cose da provare per la seconda parte della stagione".

Se non sarà qui a Brno, quando ti vedi vittorioso?

"Intanto bisogna continuare ad andare così e cercare di migliorare il risultato di Laguna che significa salire sul podio e cercare di arrivare più vicino a chi vince. Nella mia testa speravo di essere vincente a Misano, però spero che li non sarò ancora al 100% e magari lo sarò per la trasferta fuori Europa. Poi devo migliorare il mio feeling con la moto quindi ogni turno di prove per me è importante e anche il test di lunedì lo è e infatti spero di essere abbastanza in forma per poter fare dei giri, perchè più sto in pista e meglio è".

{mp3}11gp_brno/rossigiocecaita{/mp3}

 

Articoli che potrebbero interessarti