Tu sei qui

News Prodotto, L'armata britannica da record

Cinque piloti della stessa nazionalità nei primi cinque posti. I canadesi furono sei

E' stato un vero dominio quello dei piloti britannici a Silverstone: in gara 1 ce ne erano tre sul podio (Crutchlow, Rea, Haslam) e altri tre nella top ten (Camier, Toseland e Byrne), mentre in gara 2 in cinque si sono classificati ai primi cinque posti: Cructhlow, Rea, Camier, Haslam e Toseland.

Potrebbe sembrare un record e in effetti lo è...quasi perché ci fu un precedente ancor più marcato nella gara 1 di Mosport Park disputata il 2 giugno del 1991, quando ci furono ben sei canadesi classificati nel primi sei (con Picotte, vincitore) ma in quella occasione praticamente corsero soltanto i piloti locali, con qualche statunitense. Domenica scorsa, invece, ce ne erano di tutte le nazionalità e quindi lode al merito.

C'è però da dire che quelli impegnati nel Mondiale Superbike sembrano essere tutti i migliori. Infatti, le wild card presenti a Silverstone non hanno brillato. Assente Tommy Hill - attuale leader del BSB che non si è visto in pista - Joshua Brookes (australiano), secondo in campionato inglese, ha colto un 16° e un 12° posto, mentre Ryuichi Kiyonari (giapponese, terzo) ha concluso ultimo in gara 1 e 16° in gara 2. Poco brillante anche Thomas Bridewell - undicesimo nel BSB - ventesimo e diciottesimo nelle due gare. Non sembrano molto pericolosi...

E non è andata meglio in Supersport dove la migliore wild card, Sam Lowes, leader del campionato inglese, ha concluso al decimo posto.

Unica eccezione Luke Moosey che, pur non partecipando al campionato inglese, ha centrato una bellissima vittoria nell'Europeo Superstock 600 ai danni del francese Florian Marino.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti