Tu sei qui

News Prodotto, Crutchlow: pole grazie alla pioggia

L'inglese della Yamaha conserva la miglior prestazione con il tempo di ieri

La pista umida in alcuni punti - a causa della pioggia caduta nella notte e in prima mattina - ha condizionato parzialmente il secondo turno di qualifiche della Superbike che ha visto prevalere Cal Crutchlow grazie al tempo realizzato nella giornata di ieri.

Anche tutti gli altri hanno conservato per la posizione in griglia con i crono del venerdì.

Le prove di qualifica di questa mattina, sono state, quindi, dedicate alla verifica delle moto e degli assetti su una pista umida, condizione che potrebbe presentarsi viste le previsioni del tempo che danno per domani un clima incerto.

La sessione odierna ha visto il miglior tempo di Jonathan Rea con 2'06"585, oltre mezzo secondo più lento del crono realizzato ieri dal pilota della Honda. Alle sue spalle troviamo Troy Corser distaccato di due decimi e un sorprendente Lorenzo Lanzi a quattro decimi.

I favoriti sono rimasti prudenti e Max Biaggi non ha fatto meglio del diciannovesimo tempo, mentre Haslam è 13°. Gli esperti del bagnato come Xaus, Byrne, Haga e Checa sono venuti fuori, realizzando tempi dal quarto posto in giù,

Sarà interessante vedere cosa accadrà nel pomeriggio non solo nella Superpole ma anche nelle ultime libere a disposizione, anche se la pista si sta progressivamente asciugando ma le nuvole incombono minacciose sul circuito di Silverstone.

Rimangono esclusi dalla Superpole di oggi pomeriggio - trasmessa in diretta da La7 e da Dahlia TV - due wild card (cosa diranno i fans del BSB?) Kiyonari e Bridewell, insieme al nostro Matteo Baiocco, al suo compagno di squadra Hayden ed ad Akira Yanagawa, che sostituisce a Silverstone Vermeulen.

 

I TEMPI DELLE QUALIFICHE:

1     35    Crutchlow C. (GBR)    Yamaha YZF R1    2'05.664

2     65    Rea J. (GBR)    Honda CBR1000RR    2'06.006

3     11    Corser T. (AUS)    BMW S1000 RR    2'06.052

4      2    Camier L. (GBR)    Aprilia RSV4 Factory    2'06.064

5     84    Fabrizio M. (ITA) Ducati 1098R    2'06.088

6     52    Toseland J. (GBR)    Yamaha YZF R1    2'06.238

7      3    Biaggi M. (ITA) Aprilia RSV4 Factory    2'06.315

8     91    Haslam L. (GBR)    Suzuki GSX-R1000    2'06.464

9      7    Checa C. (ESP)    Ducati 1098R    2'06.475

10     66    Sykes T. (GBR)    Kawasaki ZX 10R    2'06.596

11     57    Lanzi L. (ITA) Ducati 1098R    2'06.699

12     41    Haga N. (JPN)    Ducati 1098R    2'06.803

13     67    Byrne S. (GBR)    Ducati 1098R    2'06.952

14     96    Smrz J. (CZE)    Aprilia RSV4 Factory    2'06.988

15     99   Scassa L. (ITA) Ducati 1098R    2'07.042

16    111    Xaus R. (ESP)    BMW S1000 RR    2'07.069

17     50    Guintoli S. (FRA)    Suzuki GSX-R1000    2'07.107

18     76    Neukirchner M. (GER)    Honda CBR1000RR    2'07.325

19     25    Brookes J. (AUS)    Honda CBR1000RR    2'07.414

20     23    Parkes B. (AUS)    Honda CBR1000RR    2'07.548

21     95    Hayden R. (USA)    Kawasaki ZX 10R    2'07.677

22      8    Kiyonari R. (JPN)    Honda CBR1000RR    2'08.689

23     15    Baiocco M. (ITA) Kawasaki ZX 10R    2'10.431

24     46    Bridewell T. (GBR)    Honda CBR1000RR    2'11.057

25     87    Yanagawa A. (JPN)    Kawasaki ZX 10R    2'11.230

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti