Tu sei qui

Fumata nera per la Ducati SBK

Ancora nessuna decisione per l'assetto della squadra 2011...

Nulla sembra sia stato ancora deciso alla Ducati per la prossima stagione. Importantissimo sarà quanto scaturirà domani al termine della riunione prevista tra Infront, le Case e i top team sul regolamento dei prossimi anni.

"Sarà importante - ci ha detto Ernesto Marinelli - non solo capire quali saranno le decisioni immediate sulle quali abbiamo discusso già nelle precedenti riunioni, quanto l'orientamento del campionato nei prossimi anni"

In sostanza si tratta di arrivare ad un giusto compromesso tra chi vuole una formula più restrittiva e che chiede il mantenimento dello stato attuale delle cose.

Da parte della maggioranza delle altre Case c'è la volontà di trovare un accordo che consenta alla Ducati di rimanere nel mondiale Superbike, senza fornire, però, alla Casa bolognese un vantaggio ma permettendogli di battersi ad armi pari con i quattro cilindri.

Ma non sarà soltanto il regolamento il punto chiave per la permanenza della Ducati ufficialmente in Superbike. Oltre alla necessità di reperire il budget - in gran parte già disponibile - c'è l'elemento strategico che rimane, al momento, nella mente dell'altissima dirigenza della Casa bolognese.

Intanto la squadra continua a lavorare, sviluppando ulteriormente la 1198 R e sgrossando la nuova 1200 che debutterà al Salone di Milano di fine 2011 e potrebbe debuttare nel mondiale 2012.

Continuano, nel frattempo, anche i contatti con i piloti. Ormai al capolinea il rapporto con Haga - anche per una questione di costi, visto che l'ingaggio del giapponese supera gli ottocentomila euro - sono molti i piloti che si sono offerti al team Xerox.

Colin Edwards è passato a Borgo Panigale nelle scorse settimane dove ha ricevuto un'offerta per due anni - la stessa rifiutata da Loris Capirossi - per correre con la rossa nel Mondiale Superbike. Oltre all'americano, gradito alla Xerox, ci sono stati contatti anche con Cal Crutchlow, che punta, successivamente, alla rossa MotoGP, con Roger Burnett manager di James Toseland, mentre proseguono i colloqui con Michel Fabrizio, e viene continuamente monitorato Luca Scassa. Numerosi, poi, i giovani delle categorie minori che si sono proposti come seconde guide.

Tutto sembra chiaro, quindi, salvo... la decisione finale che riguarda l'assetto definitivo della squadra 2011, intorno al quale si stanno facendo molte illazioni ma che potrebbe non essere molto differente dall'attuale, con qualche supporto gestionale. In questo contesto rientra il discorso di Dario Marchetti che potrebbe essere inserito nella squadra quando sarà completamente guarito dall'incidente di Rijeka.

Il paddock della Superbike ma tutto il mondo degli appassionati continua comunque a non voler credere ad un ritiro ufficiale della Ducati che sembra - per fortuna... - meno certo. In caso contrario, crediamo che una sollevazione del popolo della rossa sia possibile...


Articoli che potrebbero interessarti