Tu sei qui

News Prodotto, Biaggi nella tana del Leon

Domenica si corre a Silverstone ed Haslam punterà sul fattore campo

I piloti del Mondiale Superbike disputeranno domenica prossima la decima prova del campionato 2010 sul rinnovato circuito di Silverstone. Già "battezzato" dai colleghi della MotoGP, il tracciato inglese si presenta parzialmente modificato, soprattutto nella parte tra Abbey e Brooklands che ha portato la lunghezza totale a 5,902 km.  I piloti della MotoGP che ci hanno corso nel giugno scorso hanno apprezzato il nuovo tracciato, vedremo quale sarà il giudizio di quelli della Superbike. Il mondiale delle "derivate di serie" ha corso per l'ultima volta nel 2007 quando un violento temporale impedì la disputa di gara 2.

Saranno otto i piloti britannici che gareggeranno nella Superbike, sette "permanent" ed una wild card. Tra coloro che partecipano a tutto il campionato, ce ne sono almeno quattro in grado di puntare alla vittoria: Leon Haslam, Jonathan Rea, James Toseland e Cal Crutchlow, rispettivamente secondo, terzo, sesto e decimo nel mondiale. Cercano, invece, il "colpaccio" Leon Camier - che spera nella prima vittoria iridata - e Shane Byrne, mentre Tom Sykes può solo sperare di ben figurare. L'ottavo britannico, Thomas Bridewell , è una delle tre wild card che saranno a Silverstone, ma sinora non ha brillato nel BSB dove corre con la Honda del team Quay Garage. In assenza di Tom Hill, leader del campionato inglese con la Work Crescent Suzuki, - che ha preferito concentrarsi nel campionato nazionale che correrà la domenica successiva - saranno da seguire l'australiano Joshua Brookes e il giapponese Ryuichi Kiyonari, attualmente secondo e terzo nel BSB con quattro vittorie a testa. I due correranno con le HM Plant Honda.

Il motivo centrale del decimo round del Mondiale Superbike sarà comunque la "fuga" di Max Biaggi che guida la classifica con 352 punti, 68 in più di Leon Haslam suo più immediato inseguitore. Il romano cercherà di aumentare ulteriormente il proprio vantaggio per affrontare con maggiore tranquillità l'ultima parte del campionato (mancano tre gare al termine). Da ricordare che Max ha vinto quest'anno nove gare, realizzando ben quattro doppiette. Sul circuito inglese Biaggi nel 2007 conquistò un sesto posto.

Leon Haslam, dal canto suo, non vince da gara 2 di Kyalami e negli ultimi tre round ha realizzato 62 punti contro i 145 di Biaggi. Vedremo se dopo la prova opaca di Brno, il pilota della Suzuki saprà rifarsi sul circuito di casa, anche se l'incognita principale per il figlio di "Rocket" Ron è la competitività della sua GSX-R 1000.

James Toseland ha dichiarato recentemente di augurarsi un podio interamente inglese ma il due volte ex campione del mondo della Superbike non ha ancora vinto in questa stagione, così come il suo compagno di squadra Cal Crutchlow, velocissimo in prova. La Yamaha lo scorso anno centrò una doppietta a Donington con Ben Spies.

Maggiori possibilità di vittoria le ha sulla carta Jonathan Rea, impostosi in gara 1 a Brno e protagonista delle prove e della gara alla 8 ore di Suzuka. Il pilota del team Honda Ten Kate nella Repubblica Ceca sembra aver ritrovato la sua competitività conquistando, oltre alla vittoria, anche un secondo posto. Anche per lui l'incognita rimane la messa a punto della ciclistica della sua Honda.

Attesa per una prova d'orgoglio della Ducati che vinse con Troy Bayliss nell'ultima gara disputata a SIlverstone nel 2007. Ai due piloti del team Xerox, Noriyuki Haga - che a Brno ha dato qualche segnale di risveglio - e Michel Fabrizio, salito sul podio nella Repubblica Ceca, va affiancato anche Carlos Checa, che dopo il secondo posto di Misano, si è ben difeso nell'ultima gara.

Silverstone sarà anche l'occasione per analizzare ulteriormente i progressi della BMW, quinta a Brno con Xaus e che dovrebbe contare nuovamente su Troy Corser, costretto al forfait nell'ultimo round dopo la caduta in prova.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti