Tu sei qui

Stoner: 2° con la dura miracolosa

AUDIO/ENG E' mistero sulla gomma utilizzata nel giro veloce

Stoner: 2° con la dura miracolosa

L'australiano è ufficialmente tornato ad essere il proiettile che abbiamo imparato a conoscere dopo l'Era “Rolling Stoner,” e prima dell'Era “Fishing Stoner in Australia”.

Veloce lo è sempre stato, ma con un'indole racing dai contrasti troppo accesi: problemi di stabilità sulla moto e di conseguenza anche ai box. Ma sul circuito di Laguna Seca siè visto un Casey forte, di indole e di gas. Sorride, scherza e soprattutto è veloce: prima il tempo di 1.21.699 nelle libere di ieri, poi un peggioramento questa mattina e poi un secondo posto conquistato in qualifica con un tempo da brividi (1.21.169), che ha fatto saltare tutti dalla sedia, prima che ci pensasse Lorenzo a rimettere tutti a sedere, sempre più increduli.

“Avremmo avuto la possibilità di fare la pole ma avrei dovuto essere più veloce – ha dichiarato il pilota di Kurri Kurri – invece nel primo giro ho commesso qualche piccolo errore e, successivamente,  non ho potuto fare un altro giro veloce prima della bandiera a scacchi perché la gomma oramai aveva ceduto”.

Dal ciò che si è potuto vedere, la gomma posteriore di Casey era una dura, lo si deduce dal fatto che quella montata nel giro fatto "a vita persa" non avesse la striscia bianca che la contraddistingue.

E lui, Casey, sorride di fronte alla domanda diretta.

“Avevo una morbida? Non lo so. Forse sì, forse no”.

La sua gomma resta quindi un semi mistero, la cui verità strizza l'occhio ad una gomma morbida dalla striscia invisibile...

Che gara sarà quella di Stoner, domani?

“Abbiamo trovato un buon setting ma domattina proveremo altre soluzioni per avere più comfort sulla moto. La moto era la stessa di questa mattina, non abbiamo migliorato nulla è solo un fatto che dipende da me, da come mi sento sulla sella e da qualche piccolo errore che ho fatto, in un paio di curve. E poi abbiamo provato varie cose che non ci hanno convinto e dato che sfortunatamente erano modifiche lunghe da apportare, abbiamo perso un po' di tempo. Detto questo, sono contento del tempo che ho fatto, pensavo solo di riuscire a fare un passo in avanti più consistente considerando quanto bene siamo partiti ieri. Per decidere sulla gara di domani, aspettiamo di vedere il meteo e le temperature”.

{mp3}10GP_LAGUNA/stonersabusa{/mp3}

Articoli che potrebbero interessarti