Tu sei qui

News Prodotto, Moto 2: Elias si prende la vittoria

Lo spagnolo strapazza Iannone, bene Rolfo. Corsi cade

Non sembrava la gara di Elias quella del Sachsenring e invece il pilota del team Gresini ha fatto davvero un buon lavoro andando a prendere tutti i quelli che aveva davanti ricucendo anche il vantaggio accumulato da Iannone in fuga.

Il pilota del Team SpeedUp, che era scappato inizialmente dietro al suo compagno di squadra, Gabor Talmacsi, riusciva a prendere la testa della gara già al terzo giro per rimanerci i tre quarti del Gp di Germania. Qualcosa, però è andato storto e la velocissima SpeedUp di Andrea ha iniziato ad avere vistosi problemi, anticipati dalla perdita di posizioni di Gabor Talmacsi, velocemente riassorbito da gruppo.

"Ho iniziato ad avere problemi alla gomma posteriore sin dal quarto giro - ha detto l'abruzzese - non so proprio cosa possa essere successo. Dovremo vedere con il team. Mi dispiace veramente molto perchè ho fatto una buona gara, ma almeno non ho mancato il podio".

La rimonta di Elias era accompagnata anche dalla presenza di Simone Corsi con la Motobi. Il romano aveva accettato il "passaggio" che Toni gli ha dato fino alle posizioni da podio, peccato, però che una scivolata lo abbia levato di mezzo troppo presto, quando era virtualmente terzo.

Mentre Elias si liberava di Iannone, nelle retrovie la lotta tra Rolfo, Nieto, Abraham e lo sconosciuto australiano Cudlin (sostituto di Axel Pons), era molto accesa. Nieto ha provato in tutti i modi a impensierire Roberto Rolfo che ha sfruttato bene il nuovo telaio della Suter del Team ItalTrans per salire meritatamente sul terzo gradino del podio.

Una rifessione ancora su Cudlin. L'australiano, giunto settimo al traguardo, è il secondo pilota, sostituto del Team Pons che va più forte dei titolari, soprattutto di Gadea. Cudlin che viene dall'endurance, sostituisce proprio il figlio di Pons e non ci si aspettava facesse meglio di Sergio Gadea, pilota certamente con una certa esperienza dei circuiti mondiali.

La Moto2 come di consueto, non si è fatta mancare l'abituale "botto" alla prima curva. Stavolta i coinvolti sono stati solo 5, peccato che tra questi ci fosse anche Raffaele De Rosa.

Con la vittoria di oggi, Toni Elias è sempre più leader della categoria con 136 punti. Secondo lo svizzero Luthi (che oggi è caduto) con 94 punti, poi Iannone con 90 punti. Sesto posto, invece, per Corsi che ha 65 punti.


Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti