Tu sei qui

News Prodotto, Iannone ulula la quarta pole

Il lupo abruzzese del team SpeeUp spaventa gli avversari in Moto2

Non riescono a farsene una ragione, gli avversari di Andrea Iannone, che l'abruzzese sia così veloce, ma il lupo marsicano del team SpeeUp non se ne cura ed infatti anche al Sachsenring ha centrato la pole position. Non un giro veloce qualsiasi: Andrea ha staccato il rivale più vicino, Arne Tode, campione tedesco della Superbike di oltre mezzo secondo, esattamente 673/000.

“Faccio paura? Stiamo semplicemente andando bene perché stiamo lavorando bene. Devo solo ringraziare la squadra”, ha detto Andrea.

Non tutto in realtà fila liscio, ma non a livello tecnico, nel team di Luca Boscoscuro visto che abbiamo visto sparire dalle carene di Iannone e Talmacsi la compagnia petrolifera ungherese MOL.

In prima fila, con il terzo tempo, scatterà al loro fianco il leader del mondiale, Toni Elias, che però per riuscirci oggi è caduto due volte. Una per turno.

Sempre competitivo Julian Simon chiuderà la prima fila mentre in seconda si troveranno affiancati il compagno di squadra di Iannone, Gabor Talmacsi, Simone Corsi, Stefan Bradl e Tomizawa.

Come sempre la Moto2 si presenta una classe altamente competitiva visto che, Iannone escluso, i primi ventuno sono racchiusi nell'arco di un secondo.

Il terzo italiano in pista è Roby Rolfo 12°. Il pilota torinese avrebbe dovuto provare fra poco la Suter con motore 1000 BMW, ma sembra che il preparatore, preoccupato per la recente reazione di Maurizio Flammini a Brno (c'è stata una conferenza stampa durante la quale il boss della Infront ha minacciato di ricorrere ai legali N.d.R.) abbia deciso di tenere un profilo basso rinunciando anche allo showdown in occasione dei test di Brno.

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti