Tu sei qui

Pedrosa e Stoner regolano il gruppo

Lo spagnolo e l'australiano hanno fatto la differenza in pista, Dani è già pericoloso

Dani Pedrosa è arrivato al Sachsenring con una valigia di sassolini da levare dagli stivali.L'arrembanza di Dovizioso, il contratto fatto e firmato da Casey Stoner, insomma, una settimana decisamente poco piacevole che ha stimolato il fantino catalano a fare subito il miglior tempo nelle prove libere del Gp di Germania.

Decisamente educato e mai polemico, Pedrosa nella conferenza stampa di ieri aveva commentato l'avvenuto accordo con Stoner con queste parole: "Sono contento per lui".

In prova ha fatto vedere di essere lui il più veloce, anche del neo acquisto Stoner.

"E' una bella sensazione - ha detto Pedrosa - perchè per la prima volta nella stagione sono riuscito a fare il giro migliore nella prima giornata di prove del venerdì e questo è uno step decisamente positivo per noi. Normalmente lottiamo all'inizio, ma oggi abbiamo fatto un lavoro veramente buono nel primo turno di prove libere. E' ancora di più un buon risultato perchè domani potrebbe piovere. Spero comunque di poter fare un'altra sessione con l'asciutto anche sabato. Oggi siamo stati concentrati principalmente nel provare diversi tipi di gomme e siamo stati veloci sia con le dure che con le morbide. Per domani dovremo lavorare di più su sospensioni ed elettronica, poichè credo che sia in questi campi dove potremo trovare i maggiori miglioramenti per domani".

Decisamente soddisfatto del primo turno di prove libere anche Casey Stoner che non ha pensato al ritorno di Rossi, ma solo a dare del gas alla sua Desmosedici.

"Per quasi tutta la sessione siamo andati molto forte anche se ci resta qualche dettaglio da migliorare. Come spesso accade, la moto va molto bene sotto certi aspetti fin dall'inizio ma, quando proviamo a progredire in altre aree della messa a punto, perdiamo qualcosa che ci piaceva e non riusciamo a trovare subito un compromesso nella direzione giusta. Oggi inoltre abbiamo provato entrambe le gomme, la dura e la morbida, facendo il miglior tempo con la prima senza però riuscire a capire quale è la più adatta per la gara. Infatti l'anteriore morbida ha lavorato bene, mentre abbiamo avuto qualche problema quando siamo passati alla dura, in particolare in fondo al discesone, nonostante siamo stati più veloci.  E' uno degli aspetti su cui dobbiamo ancora lavorare. In generale come sempre siamo soddisfatti della moto, che sta andando bene, ma dobbiamo fare meglio per ottenere quello che vogliamo".


Articoli che potrebbero interessarti